Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Zanzare, l'appello degli scienziati ai cittadini: «Mandateci le foto delle zanzare». Tra le più pericolose la Aedes Aegypti

Ma perché questo interesse? Il nostro paese - spiegano i ricercatori - è uno dei più colpiti in Europa

Sabato 18 Giugno 2022 di al.va
Zanzare, l'appello degli scienziati ai cittadini: «Mandateci le foto delle zanzare». Tra le più pericolose la Aedes Aegypti

Se vi punge una zanzara, fotografatela e spedite l'immagine ai ricercatori. E se riuscite a catturarne una, meglio ancora: servirà per approfondire gli studi e capire se nel nostro paese sono arrivate nuove specie di questo insetto. Il progetto si chiama Mosquito Alert e a portarlo avanti, con l'Università Sapienza di Roma, è anche l'Izsve, l'Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie che ha sede a Legnaro.

App Mosquito Alert: a cosa serve

Mosquito Alert - si legge su Il Gazzettino - è un'app gratuita per i cittadini che vogliano collaborare al piano nazionale di tracciamento delle zanzare in un'ottica di scienza partecipata. Usare l'app Mosquito Alert è facile: per conoscere la specie in tempo reale, basterà fotografare una zanzara e inviare lo scatto alla task force degli esperti. Le segnalazioni dei cittadini, una volta validate, verranno inserite nella mappa interattiva sul sito di Mosquito Alert Italia e potranno aiutare a mirare efficacemente gli interventi di controllo. Per non vanificare i risultati delle disinfestazioni in aree pubbliche condotte dagli enti locali, si punta poi a sensibilizzare i cittadini anche rispetto alla gestione delle aree private in cui le zanzare potrebbero svilupparsi, come le raccolte domestiche di acqua stagnante.

Quante specie di zanzare ci sono in Italia?


Ma perché questo interesse per le zanzare? Il nostro paese - spiegano i ricercatori - è uno dei più colpiti in Europa, sia per numero di specie (65 attualmente conosciute) sia per la loro ampia distribuzione e densità sul territorio, considerando soprattutto le specie invasive. Controllarle è dunque importante non solo per le loro fastidiose punture, ma anche perché le zanzare sono potenziali vettori di patogeni per l'essere umano (ad esempio il virus Dengue e Chikungunya), che possono rappresentare una minaccia per la salute pubblica.

 

Zanzare, quali sono le più pericolose?

Tra le specie di zanzara più pericolose come vettori c'è Aedes aegypti che, attualmente non presente in Italia, richiede una specifica sorveglianza. Lo scopo del progetto è di raccogliere e validare il maggior numero di fotografie di zanzare per mapparne le specie, con particolare attenzione alla tigre (Aedes albopictus) e ad altre specie invasive come la zanzara coreana (Aedes koreicus) e quella giapponese (Aedes japonicus), arrivate recentemente nel nostro paese. «Chiediamo ai cittadini di scaricare l'app e di utilizzarla quando vengono punti o riescono a fotografare una zanzara ha detto Beniamino Caputo, coordinatore di Mosquito Alert Italia -. La qualità delle foto inviate è fondamentale per una valida identificazione della specie. Gli esperti, sempre tramite smartphone, informeranno l'utente sulla zanzara fotografata ed elaboreranno mappe delle specie presenti sul territorio, utili a gestire e indirizzare le disinfestazioni».

Ultimo aggiornamento: 21:32 © RIPRODUZIONE RISERVATA