Caserta. Policlinico, annullati i licenziamenti: lavoratori andranno in cassa integrazione

Venerdì 23 Gennaio 2015 di Enzo Mulieri
CASERTA - Per il Policlinico è stato individuato il percorso operativo più idoneo ai fini del completamento dell’opera. Dopo tante tensioni e preoccupazioni, ieri in Prefettura la società appaltatrice Condotte (con il management guidato da Raffaele Coraggio ed Ugo Berardi) ha confermato le intenzioni dichiarate nell’ultima audizione regionale ed ha bloccato la procedura di licenziamento di 21 lavoratori del cantiere di Tredici.



Per loro l’azienda farà ricorso alla cassa integrazione per sei mesi, in presenza di concrete opportunità di ripresa dell’attività nel cantiere casertano. Grazie alla mediazione del prefetto Carmela Pagano, è stato infatti possibile ottenere dalla Sun (la stazione appaltante rappresentata dal direttore generale Annamaria Gravina) precise assicurazioni sull’accelerazione delle due varianti del progetto originario.



Quanto poi al nodo finanziario legato al pagamento dei due stati di avanzamento dei lavori (5 milioni di euro), non ci sono stati riscontri da parte della Regione, assente sia per quanto riguarda la sua rappresentanza politica che amministrativa. Tuttavia, sullo sblocco dei corrispettivi in questione non ci sarebbero dubbi di sorta, stando ai riscontri ottenuti dal Palazzo di governo presso il Ministero delle Finanze. Ultimo aggiornamento: 11:56