Il rapporto Istat: «Sud fuori da priorità». Il ministro Delrio: giudizio sbagliato

Giovedì 21 Maggio 2015 di Nando Santonastaso
Da anni non ci sono priorità per il Mezzogiorno nelle policy del Paese, ovvero nelle scelte srategiche che dovrebbero caratterizzare la crescita del territorio. Arriva dall’Istat che ieri ha presentato il rapporto annuale sul Paese, l’atto di accusa più forte sui ritardi del Sud e sul divario sempre più crescente con il resto del Paese.



Un gap che, dice l’Istat, interessa ormai tutte le categorie del benessere. In questo modo, secondo l’Istituto di statistica, sarà impossibile agganciare la ripresa che pure sta attraversando il Paese (anche se il lavoro resta una chimera per giovani e donne). Non è d’accordo su questo giudizio il ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio: in un’intervista a Il Mattino, ribatte che il governo Renzi ha messo il Mezzogiorno al centro di scelte strategiche come a proposito dei fondi europei, indicano Bagnoli e Taranto come simboli della rinascita di quest’area. «Con noi - dice Delrio - sono aumentati del 30% gli appalti per opere pubbliche dopo il tondo dei due anni precedenti».



CONTINUA A LEGGERE SUL MATTINO DIGITAL Ultimo aggiornamento: 12:38