Carburanti, prezzi internazionali in calo
ma nei distributori rincari a raffica

ROMA - I prezzi internazionali tornano a scendere con decisione, ma sulla rete carburanti si registra comunque una raffica di rincari. Il fatto è che le quotazioni internazionali, ieri, hanno invertito improvvisamente la rotta con cali da oltre 11 euro/mille litri per la benzina e quasi 10 per il diesel mentre le compagnie petrolifere stavano facendo ancora seguito ai forti cali dei giorni precedenti e soprattutto alla diminuzione decisa dall'Eni.



Risultato: aumenti generalizzati e consistenti. Vediamoli: TotalErg + 1,5 cent euro/litro sulla benzina e + 1 sul diesel; Shell + 1 cent su entrambi i prodotti come pure Tamoil; Q8, e Esso + 0,5 sempre su entrambi i prodotti; infine, IP + 0,5 e + 1 cent rispettivamente. Da segnalare al contrario la discesa dei prezzi del Gpl tra 0,5 e 1 cent. Prezzi praticati sul territorio di conseguenza in evidente salita, no logo comprese.



Medie nazionali della benzina e del diesel in netta crescita rispettivamente a 1,820 e 1,724 euro/litro (Gpl a 0,759). Le "punte" adesso sono fino a 1,863 euro/litro per la "verde", 1,747 per il diesel e 0,779 per il Gpl. La situazione più nel dettaglio a livello Paese (sempre in modalità "servito"), secondo quanto risulta in un campione di stazioni di servizio che rappresenta la situazione nazionale per il Servizio Check-Up Prezzi QE, vede il prezzo medio praticato della benzina che va oggi dall'1,802 euro/litro di Eni all'1,820 di Tamoil (no-logo a 1,702). Per il diesel si passa dall'1,701 euro/litro sempre di Eni all'1,724 di IP (no-logo a 1,577). Il gpl infine è tra 0,719 euro/litro di Eni e 0,759 di Tamoil (no-logo a 0,717).
Giovedì 30 Maggio 2013, 11:27 - Ultimo aggiornamento: 4 Giugno, 16:38
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 6 commenti presenti
2013-05-30 13:06:00
Per forza L'Italia è l'unico paese dove chi dovrebbe controllare i prezzi dei carburanti non li acquista.Tutti quelli che stanno al governo e dintorni usano le auto blù perciò non interessa il prezzo della benzina. Inoltre se mantiene un prezzo alto loro sono più contenti così incassano più tasse da spendere.......nell'interesse del paese.

QUICKMAP