Ritrovati un dente e due dita di Galileo
Li ha comprati all'asta un collezionista

Galileo Galilei
FIRENZE (20 novembre) - Tre eccezionali cimeli di Galileo Galilei, ritenuti perduti da oltre un secolo, sono stati fortunosamente ritrovati grazie a un collezionista e saranno esposti al pubblico per la prima volta dalla primavera 2010 in occasione della riapertura, dopo radicali lavori di ristrutturazione, dell'Istituto e Museo di Storia della Scienza di Firenze, che assumer da quel momento la denominazione di Museo Galileo.



Si tratta di un dente e di due dita della mano destra (pollice e medio) prelevati nel 1737 dai resti del grande scienziato toscano nel corso della traslazione della salma nel sepolcro monumentale della basilica di Santa Croce. La soprintendente al Polo museale Fiorentino, Cristina Acidini, e il direttore del Museo di Storia della Scienza, Paolo Galluzzi, hanno confermato che, sulla base dell'ampia documentazione storica pervenuta, non sussistono dubbi sull'autenticità del reperto.



I cimeli galileiani sono riemerse recentemente in un'asta, dove sono stati battuti come un lotto del quale era ignota la precisa identità. Si trattava di una teca di legno dalla foggia singolare, realizzata nell'Ottocento, e sormontata da un busto ligneo di Galileo. Al suo interno un'ampolla settecentesca in vetro soffiato che racchiude due dita (pollice e medio) e un dente. Grazie alla propria competenza e sensibilità, un noto collezionista (che ha chiesto di restare anonimo) ha intuito che il singolare oggetto racchiudeva un mistero intrigante.



«Il ritrovamento rappresenta un suggello straordinario ed emblematico dell'Anno dell'Astronomia, che ha recato a Galileo, a 400 anni dalle sue sensazionali scoperte astronomiche, quell'omaggio globale, solenne e incondizionato del quale non poté godere in vita», ha detto Galluzzi. Come noto, un dito è già in esposizione permanente al Museo di Storia della Scienza di Firenze, mentre una vertebra è custodita dall'Università di Padova dove Galileo aveva insegnato per quasi venti anni.



Si conclude così una vicenda iniziata la sera del 12 marzo del 1737, poco dopo il tramonto, quando fu finalmente possibile traslocare le spoglie mortali di Galileo e del suo affezionato discepolo, Vincenzo Viviani: dal deposito clandestino, nel quale erano state originariamente sistemate, al sepolcro monumentale della basilica fiorentina di Santa Croce, dove sono ancora oggi conservate, dirimpetto a quello di Michelangelo. Dalla sua morte (8 gennaio 1642) erano trascorsi 95 anni, durante i quali i continui sforzi dei discepoli e dei Granduchi di dare onorata sepoltura al grande maestro erano risultati vani per l'opposizione delle autorità ecclesiastiche, risolute nel contrastare la celebrazione in luogo consacrato di un uomo condannato «dal Santo Offizio per una opinione tanto falsa e tanto erronea», che aveva prodotto «scandalo tanto universale al Cristianesimo».



Tra i molti avvenimenti singolari riferiti dalle cronache dell'epoca, l'episodio che genera la sorpresa maggiore nel lettore contemporaneo riguarda il comportamento di alcuni dei presenti al momento dell'ostensione dei resti di Galileo dopo la rimozione del coperchio della bara. Giovanni Targioni Tozzetti, grande storico delle scienze e competente naturalista, estrasse infatti dalla tasca un coltellino, col quale fu dato avvio all'asportazione di una serie di frammenti organici dal cadavere di Galileo. Al macabro rito parteciparono il raffinato studioso di antichità Anton Francesco Gori, il marchese Vincenzio Capponi, Provveditore dell'Accademia Fiorentina, e Antonio Cocchi, il celebre medico e letterato protagonista dell'introduzione della Massoneria in Toscana. Grazie alla preziosa registrazione del Targioni Tozzetti sappiamo che dai malridotti resti di Galileo vennero appunto asportate tre dita della mano destra (pollice, indice e medio), una vertebra (la quinta) e un dente. Targioni Tozzetti confesserà di aver resistito a fatica alla tentazione di appropriarsi del cranio che aveva ospitato un cervello di così straordinaria genialità. Una parte di queste «reliquie» del grande eroe della scienza sono state da allora accuratamente conservate fino ai nostri giorni e precocemente museificate a Firenze (un dito) e a Padova (la vertebra). Delle altre due dita e del dente, acquisiti dal marchese Capponi, erano conosciute le vicissitudini, caratterizzate da continui passaggi di mano, fino al 1905, quando se ne perse ogni traccia, inducendo gli studiosi a ipotizzare che questi singolari reperti fossero andati definitivamente perduti.
Venerdì 20 Novembre 2009, 13:29 - Ultimo aggiornamento: 21 Novembre, 12:09



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2009-11-20 16:32:00
Reliquie della modernità. E' proprio vero che molti chiedono alla scienza quello che un tempo domandavano alla magia od alla religione. Senza capirne la diversità. Una volta c'erano i chiodi della Croce, o addirittura il prepuzio di Gesù: Lutero era scandalizzato dal loro commercio. Ed ecco, ora, i pezzi dei nuovi santi, gli scienziati: ma sarebbe come tenersi sulla scrivania il teschio di Mozart, scomparso in una fossa comune, od il cervello di Einstein: non producono miracoli. Ma dirlo nella città del sangue di San Gennaro è un paradosso.

QUICKMAP