Un napoletano su tre non paga le tasse: caccia hi-tech agli evasori, arriva il maxi-database

Venerdì 22 Agosto 2014 di Luigi Roano
Un napoletano su tre non paga le tasse: caccia hi-tech agli evasori, arriva il maxi-database

Segui Il Mattino su Facebook, clicca qui



Dove il rosso, il colore della vergogna, quello degli evasori, è più forte, là più si è in difetto con il pagamento delle gabelle comunali. Verde, invece, è il colore della virtuosità, del buon cittadino, quello che paga. In collaborazione con Google la cartina di Napoli sarà non solo multicolore ma interattiva. Il principio tecnico funziona così: se in un dato stabile risultano contratti Enel, per l’acqua e il gas di una determinata casa e non c’è quello della Tares (ex Tarsu) allora significa che li c’è un evasore. E si vanno a fare le verifiche. Al di là dei cromatismi il Comune - finalmente - è pronto all’unificazione delle banche dati e dare la caccia agli evasori. E a Napoli sono tanti: a dicembre del 2013 - dato del ministero delle Finanze - a Napoli il 35% evade le tasse in generale e fra questi ci sono di certo quelli della Tares. Vale a dire che un napoletano su 3 almeno parzialmente dichiara il falso.

Leggi Il Mattino per tre mesi a soli 9.99€ - Clicca qui per la PROMO

Ultimo aggiornamento: 18:12 © RIPRODUZIONE RISERVATA