Allarme Legambiente: «Pm10
sopra i livelli, si respira aria tossica»

Domenica 14 Luglio 2019 di Antonella Palma
Fumi e sostanze tossiche disperse nell'aria, Legambiente scrive ai Comuni di Solofra e Montoro chiedendo agli amministratori ed ai consigli comunali che si adottino provvedimenti ed iniziative per ridurre l'inquinamento atmosferico ed ambientale. Dal sito on line dell'Arpac si riscontra che la centralina nell'area industriale di Solofra, nei pressi della frazione di Sant'Agata, ai confini con la zona montorese, ha rilevato 15 superamenti di Pm 10 (limite annuo 35) al 10 luglio scorso.

 

«I soci del circolo Legambiente Valle Solofrana con i giovani di Fridays For Future - spiega il presidente di Legambiente Antonio Giannattasio - hanno inoltrato ai Comuni di Solofra e Montoro la richiesta di Dichiarazione di emergenza climatica. Si tratta di un atto politico e di una presa di responsabilità, con cui si adotta ogni azione o iniziativa amministrativa per contrastare l'inquinamento atmosferico. È necessario concorrere al contenimento delle temperature, riducendo le emissioni in atmosfera di gas e di qualsiasi genere di inquinante. Si ricorda che l'aumento della temperatura globale necessita dell'azzeramento delle emissioni nette di gas climalteranti entro il 2030».
Si parla dunque di qualsiasi emissioni in atmosfera in ambito di mobilità, industriale, trattamento di rifiuti, utilizzo di impianti più moderni. Alla base del progetto c'è l'attenzione per il territorio, attraverso la partecipazione a campagne di monitoraggio ambientale di alcune macro tematiche quali: aria, acqua, legalità, arte e biodiversità. Tra le principali minacce per l'ambiente e per la salute, l'inquinamento atmosferico è al primo posto.
«L'emergenza smog è ormai cronica, nelle grandi città e non solo -riprende il presidente di Legambiente Valle Solofrana- questa può essere anche l'occasione per aprire un confronto e far partecipi tutti, tra amministrazioni, associazioni e cittadini su tematiche ambientali e climatiche alle varie criticità che investono i nostri territori che meritano soluzioni». Spazio dunque alle emissioni in atmosfera, all'efficienza e funzionamento dell'impianto depurativo, al piano di caratterizzazione e bonifica della falda, alla salvaguardia e tutela del corso fluviale e degli alvei. Legambiente punta a sensibilizzare sulle varie tematiche ambientali.
«Per la matrice acqua, anch'essa fortemente minacciata e compromessa nel nostro territorio, le attività di monitoraggio -conclude Antonio Giannattasio- sono legate all'individuazione dei rifiuti abbandonati lungo valloni, corsi fluviali e alle segnalazioni di scarichi sospetti. A svolgere un ruolo importante da tempo è anche l'appuntamento annuale della campagna Goletta dei Fiumi. Mentre il controllo sulla legalità è partito nei mesi scorsi con segnalazioni di smaltimento illecito rifiuti e denuncia di microdiscariche in area collinare e montana sul territorio di Solofra-Montoro. Attività oggi, che si può svolgere inviando segnalazioni in tempo reale con la speciale App 'Gaia Observer'' dallo smartphone. Tanti altri sono i monitoraggi che ognuno di noi può condurre dando il proprio contributo contro le pratiche illecite ai danni dell'ambiente, in modo volontario e partecipato».
© RIPRODUZIONE RISERVATA © RIPRODUZIONE RISERVATA