Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Asl e Moscati, puzzle completo
con Conte, Coppola e Di Biase

Mercoledì 10 Agosto 2022 di Antonello Plati
Asl e Moscati, puzzle completo con Conte, Coppola e Di Biase

Le quote rosa. I direttori generali di Azienda ospedaliera Moscati e Asl di Avellino, Renato Pizzuti e Mario Nicola Ferrante, completano al femminile le rispettive triadi dirigenziali.
Infatti, dopo la proroga a Rosario Lanzetta (direttore sanitario) a Contrada Amoretta il nuovo direttore amministrativo è Chiara Di Biase. Napoletana di Sant'Antimo, già direttore dell'Unità operativa complessa Affari Legali dell'Azienda ospedaliera Moscati e attualmente alla guida del medesimo ufficio presso l'Azienda ospedaliera Sant'Anna e San Sebastiano di Caserta, Di Biase, avvocato laureata alla Federico II di Napoli, è stata direttore amministrativo nel triennio 2017-2019 all'Asl di Benevento e subentra a Germano Perito che da ieri ricopre l'analogo incarico all'Asl di Salerno.

Video

All'Asl di Avellino, Ferrante nomina Maria Concetta Conte  nel ruolo direttore sanitario e Laura Coppola in quello di direttore amministrativo. Dopo tre anni, nello stesso ruolo, all'Asl di Benevento, Conte ritorna, dunque, nella sua città dove ha già diretto (sempre con ruolo sanitario) l'Azienda ospedaliera Moscati nel triennio 2016-2019 (con Angelo Percopo direttore generale). Conte avellinese ma nata a Parigi, laureata in Medicina e Chirurgia alla Federico II Napoli prende il posto di Elvira Bianco (compagna del direttore generale del Moscati Renato Pizzuti) che passa (con le stesse mansioni) all'Asl Napoli 3. Il nuovo direttore amministrativo, Laura Coppola, raccoglie il testimone da Daniela Capone (che ha seguito l'ex manager dell'Asl di Avellino Maria Morgante all'Azienda San Pio di Benevento). Casertana, laureata in giurisprudenza alla Federico II di Napoli, Coppola è stata direttore amministrativo dell'Asl di Cosenza e di quella di Avezzano-Sulmona, oltre che responsabile delle risorse umane all'Asl di Caserta, prima di approdare al San Pio di Benevento ad agosto dell'anno scorso.

«Ringrazio il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca per la fiducia riposta nei miei confronti», dice

Pizzuti dopo essere stato riconfermato alla guida dell'Azienda ospedaliera Moscati. «Non solo perché sono orgoglioso di poter continuare a guidare un'Azienda come il Moscati, ma soprattutto perché la riconferma mi offre l'opportunità di portare a termine tutta la programmazione avviata nel precedente triennio. Ringrazio, inoltre, Germano Perito per il prezioso e fattivo impegno profuso e gli auguro un sincero in bocca al lupo per il nuovo inizio. Saluto con grandi aspettative l'arrivo dell'avvocato Di Biase, una professionista competente e attenta, che già conosce l'Azienda Moscati e che certamente darà il suo concreto contributo per portare avanti i tanti progetti in cantiere. La scelta di rinnovare la mia fiducia a Rosario Lanzetta, persona dalle spiccate doti umane e professionali, darà continuità al lavoro svolto fino a oggi, caratterizzato da una condivisione di intenti, grande sinergia e proficua collaborazione».

Ieri, i direttori generali sono stati convocati in Regione dove il governatore De Luca ha ribadito gli obiettivi ai quali dovranno essere adeguate le attività delle aziende, tenendo conto del periodo feriale e quindi anche della riduzione del personale: «Occorre garantire le prestazioni di emergenza, preparare un programma per la riduzione delle liste d'attesa, ed essere pronti in vista dell'apertura del nuovo anno scolastico anche in caso di nuovi focolai Covid». E ancora: «Occorre garantire prestazioni di laboratorio e di diagnostica incrementando l'offerta delle strutture pubbliche, dando atto che la stragrande maggioranza dei laboratori privati convenzionati sta garantendo prestazioni adeguate e di assoluta correttezza». Infine: «Rimane come obbligo generale, quello dell'assoluta trasparenza e correttezza amministrativa».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA