Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Assalto-bis ai cordoli, l'ira di Festa: «Imbecilli del sabato sera»

Lunedì 27 Giugno 2022
Assalto-bis ai cordoli, l'ira di Festa: «Imbecilli del sabato sera»

La Metropolitana leggera torna bersaglio degli incivili. Ad una settimana di distanza dalla devastazione dei cordoli realizzata da un'incauta professoressa a bordo del suo Suv nero, poi denunciata e multata per aver fatto strike con gli ormai celebri birilli, ecco un nuovo e più grave atto vandalico. Tre soggetti sono stati ripresi nella notte di sabato, mentre prendevano a calci i medesimi birilli, stavolta all'altezza di via Cavour. I balordi erano probabilmente alterati. Di certo, hanno riproposto quello che, ormai, è diventato un vero refrain, anche abbastanza inflazionato ad Avellino: l'attacco ad un bene pubblico.

Video

Evidentemente, non avevano immaginato che qualcuno li stesse riprendendo col proprio smartphone. Invece, ieri, le immagini hanno fatto subito il giro del web, indignando se possibile ancora di più di quelle che riprendevano la settimana prima la folle corsa del Suv nero. E ovviamente le ha viste tra i primi il sindaco Gianluca Festa, che al solito ha pronunciato parole di netta condanna: «Ecco gli imbecilli del sabato sera. Questi perfetti idioti rimarca la fascia tricolore del capoluogo - hanno deciso di giocare a calcio con i birilli dei cordoli del percorso della Metropolitana leggera. Si è già al lavoro per non lasciare impunita questa banda di imbecilli, che rappresenta il disonore della nostra città». Il tribunale dei social anche stavolta chiede pene esemplari. Del resto, ormai è diventata una moda. Ed è ancor più grave che i responsabili restino quasi sempre impuniti. L'ultima volta, le generalità della prof dell'Università di Napoli che aveva danneggiato i cordoli non fu più rivelata. Anche stavolta si indaga per risalire ai responsabili di un gesto ancor più balordo. Non dovrebbe essere particolarmente complicato, visto che i volti dell'ennesima bravata sono abbastanza visibili. Resta la conferma di una città che vive una vera e propria escalation di inciviltà, in cui i beni pubblici sono sempre più spesso di atti scellerati. La Metropolitana leggera, in particolare, è un'opera particolarmente invisa. E siamo soltanto all'inizio. I cordoli presi d'assalto già in due diverse occasioni sono solo i primi previsti dal progetto.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA