Card clonate, avvocato irpino
rischia l'arresto a Londra

di Pasquale Pallotta

CERVINARA - La settimana prossima si deciderà la sorte dell'avvocato e imprenditore cervinarese Francesco Bianco di 45 anni. L'uomo è stato tratto in arresto, a Londra, lo scorso 18 novembre, in quanto raggiunto da un mandato di cattura europeo, con l'accusa di riciclaggio e frode informatica, ma la notizia si è diffusa solo in queste ore.

Il mandato di cattura è stato spiccato dal tribunale di Koper, in Slovenia, in quanto, questi reati sarebbe stati commessi proprio nella piccola repubblica balcanica. Secondo l'accusa, l'avvocato cervinarese farebbe parte di un'organizzazione, specializzata nella clonazione di carte di credito per il riciclaggio di denaro, con un giro di affari di svariati milioni di euro. Il 45enne, però, non si trova in carcere. L'uomo era stato tratto in arresto in aeroporto, appena atterrato a Londra, dove si era recato per affari.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Sabato 9 Febbraio 2019, 11:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP