Coronavirus in Irpinia, tra i 13 nuovi positivi
c'è anche il sindaco di Trevico

Lunedì 23 Marzo 2020 di Gianluca Galasso
C'è anche il sindaco di Trevico, Nicolino Rossi, tra i tredici nuovi positivi al Coronavirus. Il bilancio provinciale dice che in totale sono 143 con un guarito, ma cala la percentuale rispetto ai tamponi eseguiti al Moscati: 256 di cui 17 che hanno confermato il Covid-19, comprensivi della quota del Sannio. Purtroppo va registrata anche l'undicesima vittima. E' una donna di 60 anni di Gesualdo, arrivata al pronto soccorso della città ospedaliera di Avellino lo scorso 12 marzo. La 60enne presentava altre patologie. Sempre ieri nel presidio cittadino è deceduta una 69enne di Nocera Inferiore (Salerno). Entrambe erano ricoverate nell'unità operativa di Anestesia e Rianimazione del nosocomio di contrada Amoretta. Ieri, dunque, altri tredici casi di Covid-19. Due dei quali a Trevico. La piccola comunità della Baronia è in ansia per i propri concittadini. Apprensione per il sindaco Nicolino Rossi. L'apprezzato amministratore si trova ricoverato nel reparto di Medicina Interna del Moscati.

LEGGI ANCHE Coronavirus, terapie e test rapidi, la sfida dei ricercatori: «Ma nessun miracolo»

Nel nosocomio del capoluogo è giunto il 19 marzo, dopo una prima tappa al pronto soccorso dell'ospedale Criscuoli di Sant'Angelo dei Lombardi per alcuni accertamenti finalizzati a comprendere le cause di febbre e polmonite. Rossi è un dirigente veterinario dell'Asl di Avellino, specialista in Ispezione degli alimenti di origine animale. Oltre ai due contagiati di Trevico, bisogna registrarne nuovamente altri ad Ariano Irpino. Dopo il sospiro di sollievo di sabato con zero positivi, ieri se ne sono aggiunti ulteriori quattro al lungo elenco della città del Tricolle. Ora sono 66, compresi i quattro decessi dei giorni scorsi. Tre nuovi casi a Scampitella, uno per Melito Irpino, Flumeri, Mirabella Eclano e Pietradefusi. In quest'ultimo Comune è stato aggredito dal virus un infermiere che presta servizio all'ospedale Rummo di Benevento, dove si trova ricoverato da qualche giorno. Dalla scorsa settimana era comunque in quarantena volontaria presso la sua abitazione insieme ai familiari. Non avrebbe avuto contatti con la comunità locale. Il sindaco Giulio Belmonte ha voluto rassicurare la gente del suo paese. Innanzitutto sottolineo che il nostro concittadino è fortunatamente in buone condizioni rimarca Belmonte Anche la famiglia è in isolamento. Da giorni non hanno contatti con nessuno. Quindi, bisogna stare tranquilli. Voglio ringraziare i medici di base per il lavoro che stanno portando avanti e i volontari. Esorto tutti a rimanere in casa. Finora la gente di Pietradefusi, fatta eccezione per qualche caso isolato, sta dimostrando grande senso di responsabilità. Il bilancio generale della provincia è di 143 contagiati: 66 compresi i quattro decessi per Ariano Irpino, dieci per Avellino, otto per Flumeri, sei per Mercogliano.

A Scampitella ora i casi salgono a cinque e creano allarme nel paese. Altrettanti per Mirabella Eclano (compreso un decesso). Quattro positivi per Solofra, tre per Venticano (compreso un decesso), Chiusano San Domenico, Monteforte Irpino. Ancora: due per Grottaminarda, Gesualdo (tra cui la donna di 60 anni venuta a mancare ieri), Lauro, Bonito (deceduto), Villanova del Battista (con un decesso), Forino, Trevico, Savignano Irpino e Melito Irpino (uno dei quali domiciliato a Bonito). Uno per San Martino Valle Caudina, Pietradefusi, Taurasi, Montefredane, Vallesaccarda, Greci (la persona è deceduta), San Michele di Serino, Cesinali, Castel Baronia, Cervinara, Bagnoli Irpino, anche se quest'ultimo vive stabilmente a Napoli e uno per Sant'Angelo dei Lombardi (un secondo era stato attribuito erroneamente). Solo ieri sono stati processati dai laboratori del Moscati ben 256 tamponi, di cui 17 risultati positivi. Ma tra questi c'è anche la quota della provincia di Benevento (Asl e azienda ospedaliera San Pio).
  Ultimo aggiornamento: 10:39 © RIPRODUZIONE RISERVATA