Covid a Montoro, folla tra farmacie e drive-in:
focolai in sequenza dopo le follie natalizie

Giovedì 6 Gennaio 2022 di Pietro Montone
Covid a Montoro, folla tra farmacie e drive-in: focolai in sequenza dopo le follie natalizie

Numeri impressionanti, per quanto riguarda la positività al Covid-19, si registrano a Montoro nelle ultime due settimane.
Nella sola giornata di ieri l'Asl Avellino ha comunicato altre 57 cittadini risultati infetti. Ma che la situazione fosse più che preoccupante era chiaro da un bel po'. A testimoniarlo le farmacie dove si effettuano i test, che sono state prese letteralmente d' assalto. Lunghe file si sono registrate fin dalle prime ore del mattino e fino a tarda sera. Stessa cosa al drive-in allestito da una struttura privata alla frazione San Pietro. Ore ed ore di attesa da parte di chi temeva di essere stato a contatto con un positivo. Timori che, come dimostrano i dati, si sono rilevati fondati in tanti, troppi casi. 

Attualmente Montoro fa registrare cifre che non si erano mai viste in precedenza. I conti sono approssimativi ma i positivi dovrebbero essere 333 in questi giorni. Dal Comune si continua ad invocare la prudenza ma a quanto pare molti cittadini non hanno recepito, come dimostrano i dati. Gli appelli del sindaco Girolamo Giaquinto sono caduti fin qui nel vuoto. Come dimostrano anche le testimonianze presenti sul web, nelle scorse giornate si sono registrate diverse situazioni che hanno sconcertato non poco i residenti. Feste, raduni di persone in numero esagerato, mancato rispetto delle norme di distanziamento, il non indossare la mascherina, tutte azioni che hanno contribuito sicuramente a fare di Montoro uno dei comuni che attualmente ha il più alto indice di positività nella provincia di Avellino. E a quanto pare anche in Campania. Montoro, infatti, è tra i comuni che rientrano nella top ten dei comuni più colpiti nell'ultima settimana. 

Video

L'esecutivo Giaquinto ha inviato anche messaggi attraverso il whatsapp comunale sulle regole da rispettare. Tutto pare inutile vista la mole di positività e, tra l'altro, in questo momento si è anche perso il numero effettivo dei cittadini domiciliati per prudenza. Difficile da parte del Comune tenere ancora il conto.

Il buon lavoro svolto su questo dato è saltato dopo il 30 dicembre scorso, quando erano 290 i montoresi in isolamento domiciliare. Per fortuna in tutto questo quadro desolante non vi sono cittadini che hanno dovuto fare ricorso alle cure in ospedale. Questo anche grazie al fatto che buona parte della popolazione si è vaccinata nel centro allestito presso la frazione Misciano e negli altri hub provinciali. A proposito del centro realizzato presso l'ex sede del forum dei giovani, va detto che in questi giorni, più volte, è stato letteralmente assediato da cittadini. Stesse scene che ieri si sono viste al drive-in allestito nuovamente nell'area Pip. Tanti coloro i quali non sono riusciti a prenotarsi sulla piattaforma e, ogni giorno, si presentano presso l'hub, sottoponendosi a lunghe ed estenuanti file, per cercare di intercettare qualche dose di vaccino lasciata da altri cittadini che non si sono presentati alla chiamata. Anziani, bambini e giovani che nonostante il freddo si sottopongono ad una estenuante, e troppo spesso, inutile attesa. Non a caso da Montoro si invoca il potenziamento del servizio vaccinale. Tra l'altro diversi cittadini che hanno prenotato in piattaforma si sono ritrovati a far capo ad altre località della provincia, come denunciato pubblicamente sui social. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA