CORONAVIRUS

Covid, muore 76enne al Moscati:
67enne salvata da emorragia e virus

Mercoledì 19 Gennaio 2022
Covid, muore 76enne al Moscati: 67enne salvata da emorragia e virus

È deceduto questa mattina, nella terapia subintensiva del Covid Hospital dell’Azienda Moscati, un paziente di 76 anni di Casalbore (Avellino). Era ricoverato dall’11 gennaio scorso. Nelle aree Covid dell’Azienda ospedaliera Moscati sono ricoverati 39 pazienti: 5 in terapia intensiva, 23 nella degenza ordinaria/subintensiva del Covid Hospital, 9 nell’Unità operativa di Malattie Infettive, 1 nell’Unità operativa di Pediatria e 1 in quella di Ostetricia e Ginecologia della Città ospedaliera. Proprio nel nosocomio è stata salvata una donna.

Era arrivata al pronto soccorso già positiva al virus Sars-CoV-2, ma con una sintomatologia non attribuibile al Covid-19. Dalla consulenza dei neurochirurghi è infatti emersa una diagnosi di emorragia cerebrale per rottura di aneurisma. La donna, una 64enne di Avellino, è stata presa in carico senza esitazione da parte degli specialisti del Dipartimento Testa-Collo, istituito dallo scorso primo gennaio e diretto dal primario dell’Unità operativa di Neurochirurgia Armando Rapanà. Ieri pomeriggio, la paziente è stata sottoposta a un intervento di embolizzazione per via endovascolare: al tavolo operatorio, in condizioni di massima sicurezza, i neuroradiologi Pasquale Acierno – responsabile dell’Unità operativa di Neuroradiologia – e Marta De Simone, affiancati dagli anestesisti Pina Massa e Vincenzo Bancone. Presente anche il Capo Dipartimento Rapanà, pronto a intervenire chirurgicamente in caso di necessità. L’embolizzazione è perfettamente riuscita e la donna si trova al momento ricoverata nella terapia intensiva del Covid Hospital, dove, poco fa, è stata estubata. Quando si sarà negativizzata, sarà trasferita nelle aree ospedaliere non Covid.

Ultimo aggiornamento: 20:34 © RIPRODUZIONE RISERVATA