Il magistrato che ha accusato i boss
«Faida Graziano-Cava è più forte»

di Gianni Colucci

  • 2
«È una camorra che fa autolesionismo. Un'atavica voglia i vendetta che va oltre l'interesse del business criminale. Quando ti uccido il padre, il fratello; tu rispondi uccidendo, madri e mogli». Francesco Soviero, per anni magistrato di punta della Dda impegnato nelle maggiori inchieste sulla camorra in provincia di Avellino, disegna un quadro inquietante dopo gli arresti dei vertici del clan Graziano a Quindici.

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Sabato 3 Agosto 2019, 11:17
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP