Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Il ricordo di De Mita alla Camera,
Sibilia: «Con lui confronto intenso»

Mercoledì 15 Giugno 2022
Il ricordo di De Mita alla Camera, Sibilia: «Con lui confronto intenso»

La Camera dei Deputati, nel pomeriggio di ieri, ha commemorato Ciriaco De Mita, scomparso lo scorso 26 maggio. In onore dell'ex Presidente del Consiglio, anche un minuto di silenzio spezzato dall' applauso dei presenti.
«Ciriaco De Mita - ha sottolineato il segretario del Pd, Enrico Letta - è stato un leader che ha marcato decenni della storia del nostro Paese. Appassionato della buona politica e dei cambiamenti della politica, con la sua leadership che univa sempre la parte intellettuale all'azione concreta è riuscito ad incidere profondamente nella vita del Paese». Per Letta, De Mita ha inciso anche «nell'evoluzione del quadro politico italiano, con scelte coraggiose e importanti, assumendosi sempre la responsabilità fino in fondo». L'esponente dem, dunque, ha ricordato che «tanti devono il loro impegno politico proprio a quello di De Mita per il rinnovamento». Per Dario Franceschini, invece, «la grande famiglia democristiana è dispersa, ma si sente ancora una famiglia e riconosce in De Mita un grande leader. È stato tante cose insieme, un uomo di partito e un uomo di Stato e quanto sarebbe utile oggi ricordare che servire il proprio partito vuol dire anche servire lo Stato se lo si fa bene».

Il Ministro ha anche ricordato che De Mita «ha tracciato la strada delle riforme» e «guidato la Dc aprendola all'esterno e ai giovani». Il deputato irpino Cosimo Sibilia, poi, ha evidenziato che De Mita «è stato non solo un politico, ma un indiscutibile intellettuale, rimasto sempre fedele alla sua storia, fautore del potere inteso come servizio alla collettività, interprete vero dei valori del cattolicesimo democratico, degli insegnamenti di Don Luigi Sturzo e di Aldo Moro e, a sua volta, maestro di politica per intere generazioni». L'esponente di Coraggio Italia ha ricordato di aver avuto con lui «un rapporto di libero ed intenso confronto, ma sempre profondamente formativo» evidenziando di aver condiviso «un'alleanza di centrodestra per le elezioni provinciali di Avellino del 2009, successivamente esportata anche alle elezioni regionali della Campania del 2010».

Video

Quindi, l'ex ministro Gianfranco Rotondi: «Tutti gli uomini della ex Dc che sono ancora operosamente presenti nelle istituzioni, a cominciare dal nostro straordinario Presidente Sergio Mattarella, vengono dalla scuola di Ciriaco De Mita». «Il popolarismo - ha aggiunto - è la sola cultura uscita vincente dal 900» e per De Mita «era una cultura che precedeva la Dc». «Sorrido quando sui giornali si fa ironia sul dialogo tra Enrico Letta e Giorgia Meloni. Non c'è niente di più demitiano - ha concluso - di questo sforzo di legittimare le istituzioni con uno sforzo per le riforme».

Ultimo aggiornamento: 14:16 © RIPRODUZIONE RISERVATA