Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Immigrati clandestini scoperti a lavorare
chiusi due autolavaggi ad Avellino

Venerdì 20 Maggio 2022
Immigrati clandestini scoperti a lavorare chiusi due autolavaggi ad Avellino

Operai in nero negli autolavaggi, scattano la sospensione dell’attività e le sanzioni in Irpinia. Il blitz ad Avellino. Lavoratori privi di regolare assunzione e violazioni in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro sono stati scoperti nel corso dei controlli effettuati presso alcune attività imprenditoriali del capoluogo irpino, dai Carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Avellino che hanno operato insieme ai colleghi del Nucleo Operativo del Gruppo per la Tutela del Lavoro di Napoli.

A seguito dell’ispezione a due autolavaggi, è stata riscontrata la presenza di 4 lavoratori in nero, tra cui un immigrato clandestino e uno sprovvisto di idoneo permesso di soggiorno per lavoro subordinato. Oltre a sanzioni amministrative e prescrizioni per un totale di circa 55mila euro, per i due autolavaggi è stato applicato il provvedimento di sospensione dell’attività imprenditoriale e, solo per uno, anche per gravi carenze in materia di sicurezza. I responsabili di entrambe le attività sono stati deferiti in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino.  Alla medesima Autorità Giudiziaria è stato denunciato anche il titolare di due attività di ristorazione del capoluogo irpino, per aver impiegato 4 lavoratori privi di regolare assunzione, due dei quali percettori di reddito di cittadinanza. Anche in questo caso sono state contestate prescrizioni e sanzioni amministrative per un importo complessivo di oltre 80mila euro ed emesso provvedimento di sospensione dell’attività lavorativa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA