Imu non pagata in prescrizione:
un altro buco al Comune di Avellino

di Flavio Coppola

Diverse annualità di Imu finite in prescrizione. Milioni di euro andati perduti. Storia di un disastro annunciato, nonostante i tanti gridi d'allarme partiti dall'Ufficio tributi negli ultimi anni.

L'ultimo Sos, pubblicato da «Il Mattino» la scorsa settimana, era giunto dalla responsabile del settore del Comune di Avellino, Angela Stramaglia. Prima ancora, a sollecitare le diverse amministrazioni che si sono succedute era stata l'ex coordinatrice, Amalia Leo. Mentre la struttura commissariale passa al setaccio ogni singo residuo, sia attivo che passivo, dei settori di Piazza del Popolo, per reperire risorse che possano orientare, in un senso o nell'altro, la decisione finale sul dissesto o sul pre-dissesto, un vero e proprio fiume di risorse, per intervenuta prescrizione, è ormai irrecuperabili. Si tratterebbe, in particolare, dell'Ici-Imu evasa, dunque non riscossa, relativamente agli anni 2010, 2011, 2012 e 2013. L'ultimo accertamento avviato dall'ente, nel 2014, riguarderebbe infatti l'Ici (allora l'imposta sugli immobili si chiamava così), relativa all'anno 2009.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Mercoledì 20 Febbraio 2019, 11:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP