Avvocatessa truffava i clienti spacciandosi per la sorella di Cantone: interdetta dalla professione

2
  • 191
Truffava i suoi clienti spacciandosi per la sorella del presidente dell'Autorità Nazionale Anticorruzione e millantando il suo intervento risolutivo: la Procura di Benevento ha chiesto e ottenuto dal Gip del Tribunale sannita la misura interdittiva dell'esercizio della professione nei confronti di un avvocato del Foro di Avellino, patrocinante anche presso gli uffici giudiziari di Benevento, a cui vengono contestati i reati di patrocinio infedele, truffa e falsi in danno di clienti. Si tratta di Maria Virginia Cantone, 53 anni, residente a Cervinara, che il 15 marzo scorso venne arrestata dai carabinieri a Foggia, subito dopo aver ricevuto da una coppia di suoi clienti una busta contenente 14 mila euro in contanti.

La professionista irpina, spacciandosi per la sorella di Raffele Cantone, il magistrato presidente dell'Autorità nazionale anticorruzione, aveva assicurato l'intervento del «fratello» per impedire che un appartamento acquistato dalla coppia a Campobasso finisse all'asta a causa del fallimento dell'impresa costruttrice. La «mediazione» aveva appunto fruttato il compenso di 14 mila euro. La vicenda è venuta alla luce quando lo stesso magistrato, a cui erano giunte voci di persone che millantavano parentele, aveva presentato denuncia contro anonimi. La misura cautelare emessa dal Gip fa seguito ad una serie di denunce presentate alla Procura di Benevento da altre vittime della professionista.
Venerdì 23 Marzo 2018, 18:31 - Ultimo aggiornamento: 23-03-2018 18:34
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2018-03-24 07:24:11
Solo l'interdizione non basta :Ci vuole altro per fare capire a questa delinquente il male che ha fatto alle persone.
2018-03-23 22:50:31
Ma che grande intelligentona! Come sperare che la cosa potesse avere gambe? Neppure passacarte.

QUICKMAP