Choc in Irpinia, campione superbike
rischia la vista colpito da un pugno

Martedì 3 Settembre 2019 di Marco La Carità
ARIANO IRPINO - Movida violenta. Un giovane di 24 anni del Tricolle, promessa del Campionato di Superbike, è stato pestato a sangue da un coetaneo nei pressi di un bar di Piazza Mazzini, cuore della movida arianese. Il motociclista è ricoverato presso il reparto di Chirurgia maxillo facciale dell'ospedale «Rummo» di Benevento per una lesione all'orbita dell'occhio e profonde fratture al volto. La prognosi è di trenta giorni, ma rischia un delicato intervento chirurgico.
 
La discussione sarebbe avvenuta inizialmente tra l'aggressore ed un altro giovane per futili motivi, probabilmente una bibita non offerta o vecchi dissapori tra i due. Gli animi si sono riscaldati subito, anche a causa dell'assunzione di alcol, ed è nato un forte parapiglia tra i due con schiaffi e calci. A sedare gli animi ci pensa il motociclista che riporta tutto alla normalità, ma l'apparente calma si trasforma in una vera e propria aggressione.

L'aggressore non ci sta e comincia a spaccare bottiglie di vetro a terra incutendo paura tra quanti si trovavano nei pressi. Prende poi una rincorsa e sferra un pugno violento alla vittima che cade a terra privo di sensi e con il volto insanguinato. A scaraventarlo sul selciato un colpo di inaudita violenza arrivato senza alcuna motivazione apparente. L'aggressione si è consumata sotto gli occhi di tanti giovani che hanno assistito inermi alla scena ed anche di alcuni proprietari dei locali che non hanno allertato preventivamente le forze dell'ordine. A prestare il primo soccorso alla vittima gli amici che lo hanno caricato in macchina e trasportato d'urgenza al pronto soccorso dell'ospedale di Ariano Irpino.

Il 24enne è stato sottoposto alle prime cure mediche per ridurre la fuoriuscita di sangue al volto, tuttavia ne hanno predisposto immediatamente il trasporto al reparto di chirurgia maxillo facciale dell'ospedale sannita per la profonda lesione all'orbita dell'occhio.

I medici del nosocomio sannita gli hanno somministrato una cura specifica per ridurre la lesione all'occhio, ma stanno valutando la possibilità di sottoporre il ragazzo ad un delicato intervento chirurgico per evitare possibili complicazioni o limitazioni nella vista. Al momento la prognosi è di trenta giorni, sta di fatto che il pugno avrebbe potuto provocare conseguenze maggiori alla vittima, quali la perdita dell'occhio. Dell'aggressione sono stati informati gli agenti del Commissariato di Ariano Irpino che hanno avviato le indagini di rito. Pare che sia stato già individuato l'aggressore e che siano state prelevate le immagini del sistema di videosorveglianza installato nei pressi per capire la dinamica dei fatti ed eventuali responsabilità. Al vaglio c'è la posizione dell'aggressore per cui potrebbe partire una denuncia e quindi risponderne sia in sede civile che penale. Il motociclista, ragazzo tranquillo e solare con tutti, deve rinunciare alla gara di settembre della World Sbk e alla sua Yamaha. Si stava allenando in preparazione al nuovo campionato per cui ha riportato spesso buoni piazzamenti. Nei prossimi giorni comunque si intensificheranno i controlli delle forze dell'ordine nella movida arianese per porre un freno ad episodi del genere e non è escluso che l'amministrazione comunale possa dare anche una immediata risposta. © RIPRODUZIONE RISERVATA