Ladri al campo Coni di Avellino
riqualificato coi fondi delle Universiadi

Thursday 25 June 2020 di Flavio Coppola

Neanche il tempo di aprirli al pubblico. I nuovi spogliatoi del Campo Coni, freschi ma non troppo di riqualificazione con i fondi delle «Universiadi», hanno già subìto il primo furto, che sa anche un po' di atto vandalico. Sì, perché, nell'amara scoperta fatta ieri dall'assessore allo Sport del Comune di Avellino, Giuseppe Giacobbe, c'è anche la consapevolezza che i malviventi, giovani o adulti che siano, hanno trafugato materiale da poche centinaia di euro. Per l'esattezza, come riferisce lo stesso Giacobbe, «sono stati rubati 12 bracci doccia e 10 prese della corrente». I ladri si sono intrufolati nella struttura di notte. Divelta la porta, hanno avuto facile accesso agli spogliatoi riservati alle donne. Qui hanno rubato i bracci doccia, e, forse uscendo, hanno fatto incetta di prese per la corrente, strappandole direttamente dai muri. «Opera di persone che mastica amaro l'assessore certamente non fanno sport o non lo amano. Approfittando del fatto che di notte non possiamo garantire il controllo della struttura». Infatti, l'Acs si occupa di sorvegliare il nuovo campo Coni dalle 8 di mattina alle 10 di sera. «A questo punto annuncia Giacobbe ci impegneremo per installare delle telecamere di sicurezza».

LEGGI ANCHE Droga, il virus blocca le cure: «Le famiglie sono più sole»

Nel frattempo, allertata dai vigili urbani, l'amministrazione annuncia per bocca dell'assessore la volontà di «sporgere denuncia alla Procura della Repubblica». «È un furto di scarso valore economico continua - ma fa male. Per fortuna, qualche giorno fa, avevamo deciso di portar via il defibrillatore. C'è amarezza, perché stiamo facendo grandi sacrifici per fare in modo che i cittadini ne usufruiscano appiano, e poi c'è sempre qualche ostacolo di mezzo». Il copione si è ripetuto uguale anche stavolta. Un'opera appena riqualificata resta alla mercè dei vandali perché non viene aperta al pubblico. In questo caso, c'entra il Covid. «Gli spogliatoi ricorda ancora Giacobbe non possono ancora essere messi a disposizione ai sensi delle attuali norme sulla sicurezza».
 


Ma prima del Covid mancava il regolamento, e prima ancora c'era un problema burocratico. Eppure l'inaugurazione, avvenuta in pompa magna alla presenza del governatore, Vincenzo De Luca, era stata tenuta prima di Natale. Intanto, negli spogliatoi usurati dal mancato utilizzo, cominciano a farsi evidenti i segni delle muffe che aggrediscono i muri. Se non altro, dalla conferenza dei capigruppo svoltasi ieri a Palazzo di Città à arrivata la data per l'approdo in aula del nuovo regolamento di utilizzo della struttura. L'assise si svolgerà il prossimo 29 giugno, in prima convocazione, ed il 30, in seconda. Nell'ordine del giorno, anche l'Imu. Il nuovo regolamento del campo Coni prevederà il pagamento di una quota di 50 euro all'anno per la tessera di ingresso, che diventeranno 75 per chi vorrà usufruire delle docce e degli spogliatoi. La singola doccia, infatti, costerà in media 50 centesimi. Saranno previsti però sconti per le famiglie, le fasce deboli e i diversamente abili. Oltre ad un'esenzione totale per gli over 65. L'assise che salvo colpi di scena approverà il regolamento, si riunirà nella curiosa modalità a porte girevoli. Considerato che l'aula consiliare non può ospitare più di 25 persone, almeno così sostiene il medico dell'ente, i restanti consiglieri, circa un terzo del totale, dovranno assistere alla riunione in collegamento da remoto. Così come gli assessori. Ma potranno accedere all'aula, prenotandosi, laddove siano necessari interventi o chiarimenti. Saranno i gruppi consiliari a decidere chi dovrà star dentro e chi fuori. Per contro, nella riunione dei capigruppo svoltasi ieri, è stato deciso di procrastinare ancora l'assise monotematica sul caso della movida folle del 30 maggio scorso, che vide protagonista il sindaco Festa. «Data l'importanza del tema spiega il capogruppo di «La Svolta», Dino Preziosi, è più opportuno discuterne quando in aula potranno essere presenti tutti. Inoltre, c'era un impegno a portare in aula prima questioni che scadono entro fine mese». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA