Omicidi e rapine, la mala di Foggia
fa paura anche nell'Alta Irpinia

di Michele De Leo

  • 18
L'omicidio del maresciallo Vincenzo Di Gennaro, avvenuto a Cagnano Varano, ha riacceso i riflettori sulla criminalità foggiana. Il grave fatto di sangue mette in apprensione pure i territori di confine, i comuni dell'Alta Irpinia e della Baronia situati a pochi chilometri dalla Puglia che, da tempo, sono nel mirino della delinquenza foggiana. Numerosi gli episodi registrati nel corso degli ultimi anni, da furti e rapine ai locali istituti di credito a furti nelle abitazioni, che hanno visto coinvolti malviventi provenienti dalla vicina provincia di Foggia.

L'allarme maggiore è per il racket dell'eolico e per l'attenzione sempre crescente della malavita nei confronti dell'imponente giro di soldi derivante dall'energia del vento. L'attenzione delle forze dell'ordine, ma anche dei cittadini è sempre alta.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Lunedì 15 Aprile 2019, 11:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP