Avellino, patto De Luca-De Mita:
Vignola candidato alla Provincia

di Edoardo Sirignano

Un nuovo «patto di Marano». Michele Vignola oggi dovrebbe candidarsi alla presidenza della Provincia per il centrosinistra. Dopo una giornata di riunioni e di incontri-scontri, via Tagliamento avrebbe ritrovato l'unità sul sindaco di Solofra.

La decisione, però, avrebbe creato più di qualche semplice malumore in casa dem. Dopo Stefano Farina, primo cittadino di Teora, Beniamino Palmieri, fascia tricolore di Montemarano e poi Ernesto Urciuoli, sindaco di Aielo del Sabato, si ritirano dalla contesa per evitare una spaccatura insanabile che già in partenza avrebbe ridotto le chance dei democratici di vincere le elezioni. Ma la decisione attuale rischia di spacchettare ulteriomente il partito. Il nome di Vignola, infatti, non sarebbe stato gradito da tutto il fronte dei «ribelli alla segreteria provinciale» e in modo particolare da qualche fedelissimo al deputato Umberto Del Basso De Caro e dell'ex deputato Luigi Famigleitti che avrebbero avuto da ridire su una decisione troppo accondiscendente nei confronti degli alleati, frutto di un accordo tra il governatore Vincenzo Enzo De Luca e l'ex presidente del Consiglio Ciriaco De Mita.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Giovedì 11 Ottobre 2018, 12:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP