Sciopero della mensa, la polizia penitenziaria va avanti ad oltranza

di Vincenzo Grasso

Prosegue ad oltranza l'astensione dalla «mensa obbligatoria di servizio» degli agenti di Polizia penitenziaria del carcere di Ariano Irpino. «Se molliamo adesso - spiega il segretario provinciale dell'Osapp, Ettore Sommariva - rischiamo di perdere una battaglia che va avanti da circa un mese. Non a caso, a sostegno della nostra vertenza, che mira al ripianamento degli organici, alla istituzione del servizio di traduzione dei detenuti, all'adeguamento della struttura, degli automezzi e degli strumenti tecnologici, alla decongestione per garantire alti livelli di sicurezza e condizioni di vivibilità all'interno delle carcere e al pagamento dello straordinario, arriva l'iniziativa dei segretari regionali di tutte le sigle sindacali di avviare lo sciopero della fame davanti agli istituti più affollati».

Nel documento sottoscritto dai segretari regionali di Osapp,Uil Pa, Sinappe, Fsn Cisl,Uspp, Cnpp, Cgil Fp, si ribadisce che permane «la situazione di Istituti penitenziari, dotati di organici sottodimensionati rispetto alle reali necessità, gravati da carichi di lavoro che il personale di Polizia penitenziaria è costretto da tempo a sopportare e che, nonostante tutto, affronta quotidianamente con la consueta dedizione».

In questo clima, già esasperante, il confronto con le istituzioni latita, le relazioni sindacali sono sempre più rarefatte e non è possibile garantire l'applicazione corretta dei protocolli di intesa locali. Con le nuove dotazioni organiche è stata ridotta, inoltre, di circa 750 unità la forza presente in Campania.

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Lunedì 25 Febbraio 2019, 10:20 - Ultimo aggiornamento: 25-02-2019 11:06
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2019-02-25 15:46:12
Se ci sono carichi di lavoro eccessivi che vanno oltre un limite di tempo o tra un servizio e l'altro è un fatto grave, per il semplice motivo che si perde la capacità operativa e quindi facile preda per gli ospiti.Quindi deve intervenire no il sindacato , ma chi è preposto ovvero l'autorità Giudiziaria

QUICKMAP