Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Scontro con il Moscati, il Comune
rivuole i due vecchi ospedali

Martedì 24 Maggio 2022 di Flavio Coppola
Scontro con il Moscati, il Comune rivuole i due vecchi ospedali

Il Consiglio comunale è pronto a modificare l'Accordo di programma con cui 30 anni fa furono concessi al «Moscati» i suoli della Città ospedaliera. Se l'Azienda non restituirà all'ente le aree di viale Italia e di Contrada Pennini, dove sorgevano il vecchio «Moscati» e il «Maffucci», Piazza del Popolo non perfezionerà quell'intesa per la cessione gratuita. La giunta l'ha deliberato il 21 maggio scorso. Ora, la pratica proposta dall'assessore al Patrimonio, Stefano Luongo, è stata portata in conferenza dei capigruppo, e calendarizzata per il definitivo passaggio in Consiglio comunale, nell'assise prevista per domani.

Si tratta dell'atto che certifica, istituzionalmente, che l'amministrazione Festa non intende concedere gratuitamente i suoli di Contrada Amoretta, a meno che non ci sia la giusta dal suo punto di vista contropartita sulle strutture sanitarie che sono confluite nella Città Ospedaliera. Un atto quasi storico, quello all'orizzonte, che arriva proprio mentre il «Moscati» ha pensato di assegnare l'edificio di viale Italia all'Asl, per l'ospedale di comunità da realizzare con i fondi del Pnrr. E pure l'ex «Maffucci», in comodato d'uso per 50 anni, per il trasferimento degli uffici dell'Azienda sanitaria.

Evidentemente, senza fare i conti con Piazza del Popolo. Per l'amministrazione Festa, «vista la situazione economica attuale dell'ente, che è in pre-dissesto, un'eventuale scelta di dismissione a titolo gratuito di beni del patrimonio comunale ne produrrebbe l'impoverimento». L'operazione si legge nella delibera - «potrebbe avvenire solo a seguito di un'attenta ponderazione comparativa tra interessi, nell'ottica della conservazione, valorizzazione corretta gestione del patrimonio pubblico». In più, quei suoli - ricorda l'amministrazione nella delibera di Lungo erano stati affidati al «Moscati» per la Città ospedaliera sulla base di un accordo di programma datato 29 dicembre 97, che «non ha registrato la successiva approvazione dal Consiglio comunale, e pertanto necessita di essere sottoposto al vaglio di tale organo competente». E l'amministrazione Festa vuole approvarlo con sostanziali modifiche. Essenzialmente, «specificando è la proposta di delibera - che la cessione dei suoli ubicati in contrada Amoretta avvenga con la contestuale retrocessione da parte dell'Azienda Moscati dalle strutture originariamente di proprietà comunale con destinazione sanitaria oggetto della delocalizzazione».

Video

Come detto, ci sono viale Italia e contrada Pennini, ma anche alcuni locali a via Porta Puglia e un immobile di contrada Amoretta. Aree che «nelle more della realizzata Città ospedaliera, risultano secondo il Comune - già trasferite in legge in sua proprietà». L'assunto di fondo del settore Patrimonio è anche che il Comune deve avere una contropartita per gli investimenti che sostenne prima che la nuova legge, nel lontano 1992, assegnasse alle Asl e alla Regione le i suoli per le aree ospedaliere. L'iniziativa dell'amministrazione Festa, che la maggioranza si appresta ad approvare in aula, si preannuncia dunque di grande impatto. Acuendo un braccio di ferro tra il Comune, da una parte, e l'Azienda «Moscati», l'Asl e la Regione, dall'altra, già in corso a colpi di carta bollata proprio per il diniego che il Patrimonio ha opposto alla cessione dei suoli dove sorge la Città Ospedaliera. Diego Guerriero, alfiere festiano alla guida di «Viva la Libertà», è pronto a sostenerlo: «Innanzitutto, quell'accordo di programma, rimodificato fino al 2011, non è mai arrivato in aula. Ora è giusto che, alla luce delle mutate condizioni, anche economiche dell'ente, vi si apporti una modifica. Il tutto - aggiunge - nell'ottica di una compensazione o restituzione di quello che abbiamo ceduto gratuitamente. Almeno con una sorta di permuta degli immobili». Nel caso di viale Italia, ci sono anche progetti che l'ente ha in mente: «Dobbiamo recuperare una struttura conferma il capogruppo di maggioranza - che può essere utile per i parcheggi, la mobilità o il nuovo tribunale. C'è anche questa valutazione in corso e questa strategia amministrativa, a nostro avviso, è vincente e legittima».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA