Carcere di Avellino, 8 telefonini
nascosti tra i piatti di plastica

Venerdì 2 Aprile 2021
Carcere di Avellino, 8 telefonini nascosti tra i piatti di plastica

Otto telefoni cellulari, 5 smartphone e 3 microcellulari con 4 cavetti usb e 6 sim card, sono stati trovati dalla polizia penitenziaria in servizio nel carcere di Avellino. Il tutto era nascosto in confezioni contenenti piatti di plastica. Lo rende noto il sindacato Sappe. «L'abilità e l'acutezza professionale del personale di Polizia penitenziaria che opera al controllo dei pacchi postali è tale da interrompere questo flusso illecito traffico di telefonini tra l'esterno e l'interno della struttura». commenta Emilio Fattorello, segretario nazionale campano del Sindacato autonomo polizia penitenziaria. «La recente istituzione del reato che punisce con severe pene chi introduce o chi detiene cellulari nei penitenziari - aggiunge - ha spinto i responsabili di tali traffici ad escogitare nuove modalità di ingresso non facilmente addebitabili, a seconda anche dei punti deboli delle strutture. Si ricorre ai droni e ai lanci dall'esterno dove gli spazi delle carceri lo consentano, ai pacchi postali dove è consentito ed autorizzato l'ingresso. L'amministrazione è tenuta a prendere i dovuti e necessari provvedimenti, ed proprio in considerazione dell'alto numero di specifici sequestri, occorre rivedere le procedure e regole per la ricezione dei pacchi postali e dei loro contenuti».

Video

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA