Limatola, Fucci annuncia raccolta firme
contro cartelle esattoriali in prescrizione

Limatola, Fucci annuncia raccolta firme contro cartelle esattoriali in prescrizione
Mercoledì 28 Settembre 2022, 15:40
3 Minuti di Lettura

Partirà da Limatola la raccolta firme degli imprenditori e dei liberi professionisti per sollecitare al nuovo governo, tramite i neo eletti parlamentari, l'annullamento delle cartelle esattoriali già andate in prescrizione che continuano a essere notificate dall'Agenzia delle Entrate.

L'annuncio è di Alessandro Fucci, presidente dell'associazione Liberi imprenditori italiani, che annovera oltre mille imprenditori. «Partiamo da Limatola, dove ha sede la nostra associazione, dove la prossima settimana allestiremo un banchetto per la raccolta delle firme di tutti coloro che sono vessati da uno Stato che non è amico dei contribuenti e che ha indotto la nostra associazione a denunciare da mesi in ogni sede, da Nord a Sud, l'Agenzia delle Entrate che, in molti casi, non elimina dai cassetti fiscali cartelle andate in prescrizione».

Quello di Limatola sarà solo il primo appuntamento. «È nostra intenzione, sollecitati anche da numerosi imprenditori, continuare nelle prossime settimane nel “tour” della raccolta firme a Benevento, Caserta ed Avellino. La nostra preoccupazione è cresciuta in quanto da alcune settimane il blocco dell'invio delle notifiche fiscali agli italiani in difficoltà con la pandemia è stato rimosso e ora la valanga di provvedimenti sta per abbattersi sui cittadini. Secondo i calcoli di Federcontribuenti, tra la fine del 2022 e i primi mesi del prossimo anno pioveranno 13 milioni di cartelle esattoriali di pagamento. Il timore è che questa massiccia operazione possa determinare operazioni anche un moltiplicazione degli errori. Su questo punto si a riferimento alle statistiche degli ultimi cinque anni. Le cartelle esattoriali errate, ovvero le cosiddette cartelle pazze, sono circa il 56% delle emissioni. E gli errori principali, nel 30% dei casi, riguardano la decadenza o la prescrizione del tributo o l'emissione di cartelle per tributi già pagati. Diciamo basta perché le partite iva non ne possono più: il nuovo governo metta fine a questo calvario delle piccole e medie imprese o dei liberi professionisti che ogni mattina si alzano per andare a lavoro e creare occupazione, rispetto a chi invece resta a casa a dormire grazie al reddito di cittadinanza».

© RIPRODUZIONE RISERVATA