CORONAVIRUS

Benevento, il Covid dilaga: 18 casi
in un giorno, anche i frati in quarantena

Domenica 27 Settembre 2020 di Luella De Ciampis


Boom di positivi nel Sannio: in s 24 ore 18 nuovi casi di Covid-19 che fanno salire a 130 il totale dei contagi contro i 113 della giornata precedente. Otto sono stati registrati solo in città, dove però c'è un guarito. Sale, così, dai 40 di venerdì a 47 e non a 48 il numero dei positivi a Benevento. Il totale delle guarigioni dall'inizio della seconda ondata della pandemia arriva a quota 45. A seguire, in ordine decrescente, i nuovi contagi sono stati rilevati a Guardia Sanframondi (3), Sant'Angelo a Cupolo (2), Limatola, Moiano, Paupisi, San Giorgio La Molara e San Nicola Manfredi (1 caso a testa). La maggior parte dei contagiati, 123 in tutto, risulta essere pressoché asintomatica e in isolamento domiciliare, 7 pazienti sono ricoverati al Rummo e uno in una struttura ospedaliera di altra provincia. I comuni con il numero maggiore di contagi, oltre il capoluogo, sono Montesarchio con 12 positivi, Durazzano con 9, Limatola con 7, Airola, Guardia, Sant'Agata e Telese con 5, San Lorenzello e Sant'Angelo a Cupolo con 4, mentre, fatta eccezione per due o tre Comuni in cui si registrano 2 contagi, negli altri coinvolti dalla pandemia si riporta 1 solo caso per ognuno. Il totale dei contagiati dall'inizio della seconda fase della pandemia è di 177 unità che, se rapportato ai 209 positivi registrati nel Sannio durante i 4 mesi della prima ondata, aiuta a rendersi conto di come il virus si stia espandendo a macchia d'olio, con l'unica differenza che, in questa fase, prevalgono gli asintomatici e i paucisintomatici e che gli ospedalizzati sono solo 7. Tuttavia, non bisogna dimenticare i 2 decessi avvenuti nella stessa famiglia di Torrecuso (madre e figlio) comprese in due diverse fasce di età. Per ora, la regola fissa sembrerebbe essere quella degli asintomatici, con le eccezioni rappresentate dai pazienti in degenza e da qualche decesso ma non è del tutto scontato che, la stessa regola, con il subentrare della stagione invernale, possa rimanere inalterata in quanto, potrebbe essere ribaltata sia da un ulteriore mutazione del virus che dall'influenza negativa esercitata dal freddo sull'apparato respiratorio. Infatti, durante la stagione invernale, c'è una normale e codificata recrudescenza delle bronchiti e delle polmoniti.

LEGGI ANCHE Covid, stato di emergenza: proroga fino al 31 dicembre, ecco la linea dura del governo

È questo il timore che attanaglia gli addetti ai lavori e che induce i sindaci dei comuni del Sannio e, per primo, il sindaco del capoluogo Clemente Mastella, a prevedere l'imposizione di regole ferree mirate a evitare che il contagio si propaghi. In quest'ottica, all'ingresso della sede del Comune di Airola è stato posizionato un termoscanner per misurare la temperatura a chiunque vi abbia accesso. Nei giorni scorsi, per avere un quadro sempre aggiornato della situazione, erano state sottoposte a tampone 29 persone che erano entrate in contatto con soggetti contagiati, ieri risultati negativi. Invece a Moiano, dei 30 tamponi eseguiti sui familiari della mamma del sindaco Giacomo Buonanno, risultata positiva al Covid, solo uno ha dato esito positivo ed è relativo a una persona già in isolamento domiciliare da alcuni giorni, mentre il sindaco è risultato negativo. Problemi anche alla Parrocchia Sacro Cuore di Benevento: frati in «quarantena volontaria in quanto - scrivono su fb - una collaboratrice laica del convento, con la quale non avevano contatti da sei giorni, è risultata positiva al Covid-19. I frati stanno bene, sono in attesa dell'esito del tampone. La Chiesa è stata sanificata e le messe saranno celebrate regolarmente da altri sacerdoti». All'ospedale «Rummo» la situazione rimane immutata rispetto a venerdì con 14 ricoverati, 7 dei quali residenti nel Sannio e 7 in altre province. Degli 89 tamponi processati, solo uno ha dato esito positivo ma si riferisce a una conferma di positività già accertata.
 

Video

In seguito alla conclusione dell'analisi molecolare effettuata sui tamponi prelevati il 24 settembre presso la sede del rettorato dell'Università del Sannio, sono stati comunicati i risultati che confermano una scarsissima predisposizione all'immunità di gregge. Dei 282 campioni raccolti, 281 hanno dato esito negativo e uno ha dato esito dubbio. La persona interessata è stata ricontattata per un secondo prelievo effettuato nel pomeriggio di venerdì, che ha dato risultato positivo. Sono 584 i campioni finora analizzati nel corso dello che proseguirà il 28 e 30 settembre.
LA SINERGIA
Ad Apollosa, dove le attività scolastiche sono regolarmente ripartire giovedì scorso, dal 2 ottobre uno screening gratuito coinvolgerà l'intera popolazione scolastica, compreso personale docente e Ata. Lo screening gratuito si estenderà anche agli esercenti che operano sul territorio comunale.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA