Benevento, i vigili «liberano»
i mercatini dagli abusivi della sosta

Mercoledì 11 Settembre 2019
Multe sul parabrezza, auto rimosse, parcheggiatori non autorizzati allontanati dai luoghi di «lavoro». Non si può accusare la Polizia municipale di immobilismo e il mini bilancio degli ultimi giorni lo testimonia. Partiamo dalla coda: ieri mattina gli uomini guidati dal comandante Fioravante Bosco hanno identificato in piazza Risorgimento due persone che chiedevano denaro in cambio della millantata guardiania delle vetture in sosta. L'intervento ha riguardato l'area mercatale al termine di viale Mellusi e lo slargo dinanzi l'edificio ex Banca d'Italia, mete conclamate di habitué della vigilanza «non ufficiale».
 
I vigili hanno informato dell'accaduto prefettura e forze dell'ordine annunciando prossimi replay a partire dall'area dello stadio a Santa Colomba rimasta sprovvista di gestione regolare dopo lo stop imposto dal Comune all'affidamento degli stalli a pagamento. Episodi parossistici si sono verificati in occasione dell'ultimo match interno del Benevento Calcio contro il Cittadella quando gli automobilisti si sono visti richiedere 5 euro per lasciare la propria vettura.

«È una condotta inveterata ma non per questo tollerabile - commenta Bosco -, siamo intervenuti e continueremo a farlo su precisa indicazione dell'amministrazione comunale che ha giustamente ritenuto colma la misura. Pur comprendendo il disagio socio-economico vissuto da alcune fasce della popolazione, la risposta ai problemi non possono essere abusivismo e illegalità». Malvezzo sul quale si è spesso chiuso un occhio così come accaduto per la sosta in punti particolarmente sensibili. Su questo versante gli ultimi giorni hanno confermato il trend del rigore impresso sotto la guida Bosco. Trenta contravvenzioni solo domenica in centro storico per auto in sosta nella zona a traffico limitato. Da segnalare un altro evento «storico»: in piazza Piano di Corte i vigili hanno sanzionato quanti esponevano autorizzazioni-fotocopia tutte riconducibili a una struttura ricettiva della zona. Una decina di mezzi recavano il medesimo nulla osta, risalente addirittura al 2006. Intervento che i residenti sollecitavano da tempo ricorrendo recentemente a un esposto. Sabato sera anche il vicino Arco di Traiano aveva fatto registrare un picco di multe con 14 verbali sotto il tergicristallo. Carrogru in azione in via Pertini dove da venerdì è in vigore il nuovo dispositivo che vieta la sosta in corrispondenza dell'ingresso al terminal bus. Sanzioni sono scattate anche al culmine di via XXIV Maggio dove il gran numero di auto in sosta vietata ostruisce la visuale mettendo a rischio la sicurezza. «Sono tutte azioni su obiettivi mirati - conclude Bosco - Nessuna attività a strascico ma l'inevitabile ripristino di condizioni minime di vivibilità».

I vigili, poi, ieri, durante i normali servizi di pattugliamento per le strade cittadine, hanno trovato in viale Principe di Napoli, su uno stallo di sosta riservato ai disabili, una Fiat 500 che a Ferragosto era stata rubata a Barletta, come risulta dalla denuncia presentata presso la Stazione dei carabinieri pugliese. Subito avvertiti i legittimi proprietari. Ultimo aggiornamento: 11:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA