Benevento: movida, voto e partita
scatta l'allarme sicurezza

Mercoledì 29 Settembre 2021
Benevento: movida, voto e partita scatta l'allarme sicurezza

Movida, elezioni comunali, incontro di calcio del Benevento contro il Perugia e maratona a Telese Terme. Un fine settimana caldo sul piano dell'ordine pubblico, con avvenimenti che fissati in periodi diversi hanno finito con l'accavallarsi. Non rinviabile la data elettorale, per gli altri eventi il rinvio avrebbe richiesto degli iter risultati abbastanza complessi. Da qui la necessità di far fronte nel migliore dei modi agli eventi e quindi la decisione di tenere ieri mattina una riunione del Comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica presieduto dal prefetto Carlo Torlontano, appunto per ottenere un indispensabile coordinamento di uomini e mezzi.

«Senza dubbio siamo di fronte a più avvenimenti - dice il questore Edgardo Giobbi - che richiedono servizi consistenti, sia per garantirne il regolare svolgimento, sia sul fronte della sicurezza. Pertanto abbiamo convenuto che le forze dell'ordine che operano quotidianamente sul territorio saranno impegnate per la movida, le elezioni e la maratona, mentre per l'incontro di calcio vi sarà un apporto di agenti dei reparti mobili. Del resto c'è la possibilità che il numero degli spettatori autorizzati ad assistere agli avvenimenti sportivi possa subire un ulteriore incremento. Inoltre è previsto anche l'arrivo di tifosi da Perugia. In ogni caso dobbiamo tenerci pronti ad affrontare qualsiasi emergenza».

Video

Del resto per le elezioni il questore ha già varato un'ordinanza che assegna per la vigilanza a partire da sabato pomeriggio poliziotti, carabinieri e fiamme gialle presso i vari seggi, sia in città che nei altri 19 comuni dove si vota. I carabinieri della Compagnia di Cerreto Sannita e della stazione di Telese Terme e gli agenti del Commissariato di Telese gestiranno l'ordine pubblico per la maratona.


Per la movida, già al centro di riunioni del Comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica e di riunioni tecniche di coordinamento svoltesi in questura si è deciso che «nell'ottica di un equilibrato impiego delle forze di polizia a carattere generale sull'intero territorio del comune capoluogo e della provincia - è scritto in una nota del prefetto Carlo Torlontano - sono stati confermati i mirati servizi settimanali di controllo del territorio adeguatamente rinforzati, così come disposto negli ultimi mesi, nei fine settimana». Infatti, da tempo, nelle serate di venerdì, sabato e domenica, una ventina di unità tra polizia, carabinieri, guardia di finanza e polizia municipale, agli ordini di un commissario di polizia, presidiano il centro storico. Un impegno notevole per le forze dell'ordine, ma che non è riuscito a evitare che in alcuni casi si verificassero risse con ferimenti e atti teppistici. Si va avanti dunque con i piani varati finora cercando soprattutto di far rispettare le varie ordinanze, anche quelle comunali, che stabiliscono gli orari di chiusura dei locali, la regolamentazione della somministrazione di bevande alcoliche e il volume della musica diffusa all'interno e all'esterno dei vari bar e locali. Alla riunione del Comitato hanno preso parte il questore Edgardo Giobbi, i comandanti provinciali dell'Arma dei carabinieri, Germano Passafiume, e della Guardia di finanza, Eugenio Bua. Nel corso del comitato, tra l'altro, si è preso atto, con viva soddisfazione che sono stati identificati e denunciati alla Procura i responsabili di due episodi di violenza avvenuti in città: un giovane ferito durante la movida e un anziano aggredito dopo un diverbio scoppiato su un autobus urbano a seguito dell'invito a una coppia a indossare la mascherina, entrambi tuttora ricoverati in ospedale, uno al «San Pio» e l'altro al «Fatebenefratelli».

Ultimo aggiornamento: 09:16 © RIPRODUZIONE RISERVATA