Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Benevento, caso multe. Mastella:
«Iene-sciacalli perdono la loro forza»

Giovedì 14 Aprile 2022
Benevento, caso multe. Mastella: «Iene-sciacalli perdono la loro forza»

«Quando le Iene diventano sciacalli perdono la loro forza mediatica e seduttiva. Viva la prima Repubblica delle Iene, quella di Enrico Lucci». Lo dichiara il sindaco di Benevento, Clemente Mastella, protagonista di un servizio delle «Iene» trasmesso ieri sera su presunti casi di multe non pagate.

In una nota, il settore Avvocatura del Comune di Benevento spiega che «le sanzioni emesse in violazione delle norme del codice della strada a carico del sindaco di Benevento Clemente Mastella, in seguito alle opposizioni proposte in via amministrativa sono state annullate dalla competente autorità amministrativa, che palesemente ha ritenuto fondate le motivazioni poste a base delle citate opposizioni.

Per alcune di tali sanzioni, nonostante l'intervenuto annullamento in via amministrativa, il Comune di Roma ha posto in riscossione le stesse tramite ruoli a mezzo l'Agenzia delle Entrate.

Video

Il detto ruolo è stato impugnato dall'Avvocatura Municipale dinanzi al competente Giudice di Pace che con sentenza n. 6/2021 ha annullato la cartella di pagamento emessa dall'Agenzia delle Entrate per conto del Comune di Roma condannando quest'ultimo alle spese di giudizio. Come dimostrato pertanto - conclude la nota - la vicenda delle dette sanzioni, considerato che sia in sede di ricorsi amministrativi che in sede giudiziaria sono state ritenute perfettamente legittime le motivazioni di censura all'emissione delle suddette sanzioni, non ha e non ha avuto alcun seguito».  

© RIPRODUZIONE RISERVATA