Ponte San Nicola, no ai sensori:
Mastella aspetta risposte dall'Anas

di Gianni De Blasio

«I sensori? No, al momento non sarebbero utili in quanto non sapremmo dove collocarli, vanno progettati». Finora, la commissione deputata a «indagare» il ponte San Nicola si è riunita una sola volta informalmente, e nella seconda ha effettuato un primo sopralluogo, che avrebbe confortato l'ispezione visiva del dirigente Perlingieri, quella le cui risultanze portarono allo stop della circolazione sul collegamento tra Capodimonte e il resto della città. Ora, la commissione è stata costituita, anche se la determina ancora non torna dal settore Finanze alle Opere Pubbliche. Si va, quindi, ancora per ipotesi. «Non li escludo, ma i sensori servono a monitorare qualcosa, pertanto andrebbero prima individuate quali parti del ponte che vorremmo mettere soyto osservazione dice Maria Rosaria Pecce, docente di Tecnica delle Costruzioni all'Unisannio -. Occorre esaminare il ponte e capire quale punto monitorare. Per adesso dobbiamo fare le prove per caratterizzare, solo dopo valuteremo».
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Domenica 23 Settembre 2018, 13:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP