Benevento, raid vandalico all'Asl:
furti e devastazione nell'edificio del Dsm

Giovedì 21 Gennaio 2021 di Antonio N. Colangelo
Benevento, raid vandalico all'Asl: furti e devastazione nell'edificio del Dsm

Furto e atto vandalico nel cuore della notte presso il dipartimento di salute mentale dell'Asl in via Grimaldo Re, nel rione Ferrovia, tornato nel mirino dei malviventi dopo le incursioni risalenti all'estate scorsa. Stando a una prima ricostruzione degli eventi, alcuni ignoti si sarebbero introdotti nella struttura forzando l'ingresso principale per poi saccheggiare i distributori automatici di cibo e bevande, danneggiare i lettori di badge, mettere a soqquadro i locali, svuotare gli estintori e sottrarre un computer portatile e una batteria per auto, prima di allontanarsi indisturbati dal luogo del misfatto.

A lanciare l'allarme e chiamare le forze dell'ordine sono stati i dipendenti dell'azienda sanitaria locale, ai quali è toccata la spiacevole scoperta nel momento in cui si sono recati a lavoro. Sul posto sono tempestivamente intervenuti i carabinieri del comando provinciale per un doppio sopralluogo e le indagini del caso, avviate a partire dai rilievi e dall'acquisizione delle immagini registrate dalle telecamere di videosorveglianza, mentre in tarda mattina è giunto anche il direttore dell'Asl cittadina Gennaro Volpe, che ha preferito non rilasciare dichiarazioni a caldo sull'accaduto.

Il dipartimento è rimasto chiuso per l'intera giornata di ieri e l'attività dovrebbe riprendere regolarmente in mattinata, dopo l'intervento di pulizia straordinaria degli ambienti interessati dal raid notturno. Secondo quanto trapelato dai primi accertamenti, con indagini orientate prevalentemente sulla pista vandalica, gli autori della scorribanda, che probabilmente conoscevano dettagliatamente l'area, hanno preso di mira l'intera struttura, dalla rimessa per auto all'ultimo piano dello stabile di via Grimoaldo Re. Partendo dal pianterreno e sfondando le varie porte d'ingresso, sono riusciti ad accedere a ogni locale, eccezion fatta per l'accettazione, dove si trovano cartelle cliniche e dati sensibili dei pazienti. Irrilevanti i disagi causati al secondo piano, sede di infermeria, luoghi di aggregazione e sezioni riabilitativa e sociologica, tutto sommato intatti nonostante vi si trovassero farmaci, computer, telecamere e strumenti musicali facili da portar via.

Video

Scenario decisamente peggiore ai piani successivi, ritrovati in preda allo sfacelo totale. Nel terzo, location del centro diurno, i malfattori hanno devastato ogni stanza, svuotando e mettendo fuori uso distributori ed estintori, come accaduto anche al quarto piano, sede degli uffici amministrativi, a cui sono riusciti ad accedere nonostante una particolare serratura e da dove è stato anche prelevato un portatile touch dall'elevato valore. Qui i malviventi avrebbero perfino avuto l'idea di banchettare con un vassoio di dolci lasciato dai dipendenti la sera precedente per festeggiare una ricorrenza, e ritrovato vuoto. Danneggiamenti e furto anche in garage, dove sono stati imbrattati un furgone e alcune autovetture dell'Asl, una di queste ritrovata priva di batteria, estratta e portata via dagli incursori. Ancora una volta, dunque, le sedi cittadine dell'Asl vengono prese di mira da ignoti razziatori seguendo praticamente lo stesso modus operandi. I precedenti in tal senso, infatti, non sono pochi nel corso degli anni e gli ultimi due casi risalgono ad agosto, quando nel giro di due settimane vennero forzati e saccheggiati sia i distributori del dipartimento di via Grimoaldo Re, sia quelli della struttura di via Mascellaro, anche se in nessuno di tali episodi i malviventi si erano spinti così oltre nel mettere a soqquadro i locali.

Furto in piena mattinata, inoltre, in via Vitelli. I ladri hanno forzato la porta d'ingresso e, una volta all'Interno, hanno portato via oggetti d'oro e un orologio. La proprietaria, una 58enne, si è accorta del furto solo tornataa casa e ha fatto intervenire la Squadra volanti della questura.
 

Ultimo aggiornamento: 13:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA