Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

«Sentieri Aperti» in valle Caudina,
una rete per la promozione del territorio

Giovedì 18 Agosto 2022
«Sentieri Aperti» in valle Caudina, una rete per la promozione del territorio

Nella promozione turistica vince la rete. Poche parole per definire il brillante avvio dell’edizione 2022 del progetto «Sentieri Aperti», promosso dai comuni di Airola, Bonea, Bucciano, Moiano e Paolisi e finanziato dalla Regione Campania (con fondi a valere sul Poc Campania 2014/20) e che animerà, fino a settembre, la valle Caudina.

Dopo tre giorni di eventi a Bucciano (il 4, 5 e 6 agosto che hanno visto grande presenza di pubblico) ed il testimone passato a Bonea (l’11, 12 e 13 per «Falanghina al Borgo») si tirano già le prime somme di un progetto pronto a fare scuola non solo tra i comuni partecipanti. «La spinta turistica verso le aree interne cresce sempre di più – spiega Vincenzo Falzarano, sindaco di Airola, comune capofila del progetto – e gli accordi di rete sono l’unica strada per dare vita a circuiti appetibili e di grande valore, capaci di attrarre sia il turista di prossimità che il viaggiatore da fuori regione. Complice anche il nuovo indirizzo di promozione turistica della Regione Campania (che mette al primo posto i partenariati tra i Comuni) è subito nata un’intesa con i sindaci di Bonea, Giampietro Roviezzo, Bucciano, Domenico Matera, Moiano, Giacomo Buonanno, e Paolisi, Umberto Maietta, per dare nuova linfa alla promozione territoriale in valle Caudina».

Sostenuto anche dalla partecipazione del mondo associazionistico territoriale, il progetto conta su diciotto appuntamenti principali da svolgersi in ognuno dei borghi partecipanti al progetto. Al centro grandi nomi dello spettacolo sia nazionale che territoriale ma anche tradizione, arte, storia, musica e gastronomia: dai percorsi montani agli eventi in piazza, dalla musica classica ai deejay, dalle tradizioni sacre alla antica cultura popolare, dagli artisti di strada alla letteratura agli inconti con i personaggi del mondo della cultura e dell’impresa territoriale. «Racchiusi tra i parchi regionali del Taburno e del Partenio, il nostro è un territorio ricco di tradizioni – racconta Antonello Laudanna, consigliere delegato alla cultura del Comune di Airola – e, soprattutto di sentieri, percorsi montani che un tempo venivano utilizzate da povere famiglie il cui unico sostentamento era la pastorizia ed il lavoro nei campi. Oggi i sentieri hanno un valore diverso, un valore culturale apprezzato già nelle edizioni precedenti del progetto che ha dimostrato di poter trasformare il classico sentiero in un ricco programma unitario di eventi.

Con questa nuova edizione valorizziamo ancora una volta le molteplici eccellenze storiche, naturalistiche ed enogastronomiche del territorio provando a suscitare la curiosità degli avventori ma anche delle nuove generazioni verso la scoperta o riscoperta delle antiche tradizioni del passato». Con la direzione artistica di Gianrolando Scaringi e la direzione scientifica di Franco Napolitano – che si uniscono all’impegno degli amministratori – i cinque comuni della valle Caudina ripropongono, dopo la stagione dell’emergenza sanitaria, un progetto di rete che punta a fare scuola sul territorio, arricchendo le proprie tradizioni entro una sinergia di eventi che vede tutti amichevoli complici della crescita turistica di un’area della provincia di Benevento spesso sottovalutata ma capace di generale progettualità di grande valore, pari alle bellezze che racchiude.

© RIPRODUZIONE RISERVATA