Bracconieri crudeli in Campania:
gli animali usati come esche

di Antonio N. Colangelo

  • 40
Raccapricciante scoperta quella effettuata ieri dai Carabionieri Forestali all'interno del Parco Regionale del Taburno Camposauro. Durante il consueto giro di ricognizione dell'area naturale protetta dell'Appennino campano, i militari delle stazioni forestali di Airola e Montesarchio hanno rinvenuto una carcassa di vitello appesa a un albero e circondata da un nugolo di insetti ronzanti. A rendere ancor più macabro il ritrovamento è il fatto che alla zampa anteriore del giovane esemplare di bovino fossero stati legati gli organi interni di un altro animale, cosparsi da una sostanza di colore azzurro intenso e dall'elevato grado di tossicità, come dedotto dalla morte istantanea di tutti gli insetti che vi si posavano. Preso atto della situazione, il corpo di guardia forestale ha prontamente allertato i veterinari Asl del distretto di Montesarchio, recatisi sul posto per effettuare tutti i rilievi del caso e provvedere alla rimozione della carcassa e delle frattaglie, su cui sono in corso gli accertamenti finalizzati a determinare la morte dell'animale e la natura della sostanza velenosa. In attesa dei risultati delle analisi, svolte presso l'Istituto Zooprofilattico Sperimentale di Portici e sul cui esito per il momento il personale medico non si sbilancia, tra gli operatori di polizia giudiziaria circola un'ipotesi inquietante: il vitello sarebbe stato appeso all'albero ancora in vita, allo scopo di enfatizzare l'effetto esca e conseguentemente attirare e uccidere predatori di media e grossa taglia che preferiscono cibarsi di animali vivi. Numerose, infatti, sono state le testimonianze di avvistamenti di lupi nella zona montana in questione. Mai, tuttavia, i cacciatori di frodo si erano spinti così oltre, ricorrendo a una pratica tanto insolita quanto brutale e raccapricciante sia nella preparazione che nell'esecuzione. L'orribile ritrovamento rappresenta un caso unico e senza precedenti presso il parco regionale, anche perché, come noto, solitamente i bracconieri fanno ricorso a trappole ed esche avvelenate nel tentativo di catturare le proprie prede. Le indagini, informa la Forestale, proseguiranno al fine di individuare gli autori del gesto, per i quali si profilano i reati di uccisione e maltrattamento di animali, tematica tra l'altro di estrema attualità, visti i recenti casi di violenza perpetrata ai danni di alcuni cani a Benevento e provincia, che avevano suscitato lo sdegno e la rabbia del movimento animalista sannita.

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Sabato 4 Maggio 2019, 11:54
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP