Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Carcere di Benevento,
visita del garante Ciambriello

Giovedì 28 Gennaio 2021
ciambriello

BENEVENTO - Samuele Ciambriello, garante dei detenuti della Campania, ha visitato il carcere di Benevento dove sono attualmente reclusi 354 detenuti, di cui 56 donne. La visita è stata effettuata con i volontari e il presidente della cooperativa «I Care», don Giuseppe Campagnuolo della diocesi di Cerrito Sannita che si occupa del disagio giovanile, di una casa di accoglienza per donne e bambini e ragazzi con disabilità . «I Care» nel carcere di Benevento gestisce un progetto finanziato dal garante campano dei detenuti, che prevede un percorso introspettivo dei detenuti accusati di reati a sfondo sessuali, sia nel reparto femminile che maschile. Per il garante Ciambriello «questi progetti sono importanti sia per far riappropriare delle proprie responsabilità i diversamente liberi, sia per aiutarli a soffermarsi su un loro presente e a riconoscere i propri limiti e a saperli gestire. Prima di entrare in carcere ho incontrato don Nicola De Blasio della Caritas diocesana. Ho finanziato un suo progetto di attività di recupero per detenuti e ho firmato un protocollo di intesa per accoglienza e lavori socialmente utili per cinque detenuti. La Caritas dal mese di febbraio attiverà un centro di ascolto psicologico e di sostegno morale nel carcere di Benevento. Sono grato a quanti istituzioni pubbliche e del privato sociale nel Sannio hanno attivato percorsi di solidarietà e di reinserimento socio-lavorativo per detenuti ed ex detenuti».
Il garante Ciambriello ha regalato al detenuto/a sex offender una confezione contenerne un libro e alcune mascherine. Convinto, come ha detto all’uscita, che «la cultura libera, la conoscenza aiuta a superare le disuguaglianze e a riappropriarsi dei propri sogni».

Ultimo aggiornamento: 20:48 © RIPRODUZIONE RISERVATA