Neonato abbandonato sul balcone:
«Ora è fuori pericolo, che gioia»

tin ospedale rummo
di Luella De Ciampis

  • 874
È ormai fuori pericolo il neonato ricoverato in fin di vita, sabato pomeriggio, nel reparto di Terapia intensiva neonatale dell’ospedale Rummo, dopo il parto avvenuto nella casa di Cervinara dei parenti, presso cui la puerpera e la madre, residenti a Firenze, erano ospiti. A renderlo noto, Francesco Cocca, primario dell’unità complessa dell’azienda ospedaliera, che spiega: «Da ieri mattina il bimbo non è più in pericolo di vita e, sembrerebbe non aver riportato danni cerebrali. Tuttavia, andrà comunque sottoposto a un follow-up, vale a dire, a una fase di controlli programmati, per averne certezza assoluta. Già nel pomeriggio di domenica, le sue condizioni erano nettamente migliorate rispetto al pomeriggio di sabato, in cui era arrivato in ospedale, con una temperatura corporea al di sotto dei 28 gradi. Dalla mezzanotte di sabato il piccolo aveva cominciato a respirare autonomamente, e quindi, gli era stata sospesa l’assistenza ventilatoria, mentre, alle 4 del mattino di domenica la temperatura corporea era finalmente ritornata alla normalità». Da ieri, i parametri vitali del piccolo sono stabili. «Una gioia, per l’epilogo della storia e una soddisfazione immensa per l’intera equipe – continua Cocca –, a cominciare da Alessandro Scoppa, che era di turno al momento in cui il bimbo è arrivato in ospedale e gli ha prestato le prime cure. Un risultato importante per me, per lo staff di Terapia intensiva neonatale e per il management che ha partecipato in modo operativo alle attività svolte». 
Martedì 3 Settembre 2019, 07:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP