Controlli del green pass nel Sannio,
le prime multe in una sala scommesse

Martedì 7 Dicembre 2021 di Enrico Marra
Controlli del green pass nel Sannio, le prime multe in una sala scommesse

Molti controlli, ma anche le prime multe da 400 euro. È partito così il piano coinciso con il via del Super Green pass e che prevede le verifiche da parte delle forze dell'ordine anche in merito all'uso di mascherine al chiuso e all'aperto, specie se si verificano degli assembramenti. Le due multe sono state elevate nel pomeriggio dai poliziotti della Squadra Volante della Questura che in una sala scommesse ubicata nella zona alta della città, nel corso di una verifica sull'attuazione della nuova normativa, hanno multato il titolare che non aveva chiesto il Green pass, e un utente che ne era sprovvisto. Le multe se pagate entro cinque giorni si riducono a 280 euro. Contro questi verbali è previsto ricorso alla Prefettura. Un altro dato emerso in questa prima giornata riguarda il numero dei controlli che si aggirano intorno ai centocinquanta in tutto il territorio provinciale. Controlli che sono destinati ad aumentare anche perché fino a dopo la mezzanotte. La polizia municipale in particolare ha effettuato in città 60 controlli ripartiti tra i turni diurni e quelli serali.

Video

«Tra gli elementi positivi scaturiti in questo primo giorno di entrata in vigore delle nuove norme c'è l'impegno profuso da molti commercianti nell'effettuare i controlli. Il segno evidente di una consapevolezza che se non si arresta la diffusione del Covid vi saranno problemi anche per la loro categoria che rischia altre chiusure. Noi siamo impegnati a effettuare controlli in tutti i settori. Una particolare attenzione la stiamo riponendo verso il settore dei trasporti, dove c'è il rischio, a causa del gran numero di viaggiatori, che si possono verificare delle situazioni di pericolo per la diffusione del virus». Così il questore Edgardo Giobbi che, sia dalla postazione di via De Caro che con una serie di sopralluoghi, ha coordinato la concreta attuazione del piano controlli varato in sede di Comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica e dal tavolo tecnico.

Situazione seguita anche dal prefetto Carlo Torlontano che è stato informato sulla attuazione dei controlli su tutto il territorio provinciale. Intanto, è stato già stabilita per giovedì prossimo una nuova riunione del Comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica per fare il punto sull'andamento dei controlli e sui risultati conseguiti. Come è noto, infatti, la varie forze dell'ordine impegnate nei controlli devono segnalare quotidianamente alla Prefettura il numero delle verifiche effettuate e quello delle contravvenzioni. Pertanto oggi nella tarda mattinata si potrà conoscere nel dettaglio i controlli e le multe elevate nel giorno del debutto.

Considerato che la città fa registrare un notevole flusso di pendolari che dai centri della provincia e dxella Regione affluiscono per motivi di lavoro o di studio l'attenzione delle forze dell'ordine è stata concentrata anche sui trasporti. In particolare ieri mattina, presso il terminal bus di via Pertini ha prestato servizio una pattuglia della Guardia di finanza, mentre nel pomeriggio e in serata hanno operato polizia e vigili. Presso il terminal di via Santa Colomba, invece, in mattinata hanno agito la polizia penitenziaria e la polizia municipale, mentre nel pomeriggio e in serata i controlli sono stati affidati a carabinieri e guardia di Finanza. Alla stazione Ferroviaria, la Polfer ha eseguito controlli con una pattuglia dalle 7 alle 13 e un'altra delle 13 alle 19, una presenza coincisa con gli orari clou per il transito di treni dell'Alta velocità e degli Intercity.

Circa i controlli presso gli esercizi commerciali si è notato che per lo più cittadini non residenti nel Sannio hanno esibito documentazioni di dubbia validità, per cui molti titolari dei negozi hanno preferito chiedere loro di non trattenersi negli esercizi commerciali anche per non rischiare le multe. Un elemento quest'ultimo che conferma come il varo delle ultime norme abbia suscitato anche una certa apprensione per ciò che riguarda il lato repressivo. Chiaramente i controlli hanno riguardato anche i centri della provincia che hanno visto impegnati carabinieri, fiamme gialle e poliziotti del commissariato di Telese Terme. Il piano di controlli proseguirà anche oggi e nei prossimi giorni e già è prevista un ulteriore mobilitazione di uomini e mezzo in occasione della festività dell'Immacolata essendo scontato che vi sarà una maggiore presenza di cittadini nelle strade e nei negozi che resteranno aperti per l'intera giornata. Inoltre è prevista in serata il via alle luminarie natalizie.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA