Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

CORONAVIRUS

Covid a Benevento, altri decessi
ma è guarita l'ex ministro De Girolamo

Martedì 3 Novembre 2020 di Luella De Ciampis
Covid a Benevento, altri decessi ma è guarita l'ex ministro De Girolamo

Ancora due decessi per Covid al «Rummo» e 80 nuovi positivi in 24 ore. Morte una insegnante in pensione di 76 anni di Benevento, ricoverata da circa un mese in Terapia intensiva, e una 79enne di Napoli, in degenza in Pneumologia subintensiva. La 76enne, che aveva patologie pregresse e che si era ammalata insieme ai suoi familiari, ormai clinicamente guariti, non ce l'ha fatta. Le sue condizioni avevano destato preoccupazione fin da subito. Con quelli di ieri sono 25 i decessi al Rummo da inizio agosto, 13 di residenti nel Sannio, e 10 da giovedì scorso. Da febbraio sono 50. Sono 94 i pazienti Covid ricoverati al Rummo, dove, oltre ai due decessi, si è registrata una guarigione. Dei 229 tamponi processati, 67 hanno dato esito positivo, di cui 38 rappresentano nuovi casi. I contagiati censiti dall'Asl sono 762, mentre le guarigioni raggiungono quota 379. In città ci sono 207 positivi, seguono Moiano (47), Sant'Agata (46), San Salvatore (37) e Montesarchio (28).

Nunzia De Girolamo ha sconfitto il Covid. Ad annunciare di essere risultata negativa al Covid è stata l'ex ministra: «Un abbraccio che ho sognato, un abbraccio che ho sperato e che ho voluto. Per questo abbraccio ho pregato, ho pianto, ho sperato che avvenisse il prima possibile. Venti lunghi giorni senza il tuo respiro, il tuo buongiorno, le nostre risate, i tuoi scherzi, le storielle notturne. Questo abbraccio per me è ossigeno, è voglia di futuro, è vita. Sono due cuori che battono a mille». Così l'ex parlamentare sul suo profilo Instagram, dove ha postato la foto dell'abbraccio con la figlia.

Video

Dopo le notizie che si sono rincorse nel pomeriggio di domenica, relative all'interdizione del Pronto soccorso del Rummo ai pazienti non-Covid, il direttore dell'unità complessa Giovanna Guiotto chiarisce, attraverso una nota, i termini della vicenda. «Domenica scrive - si è verificato un massiccio afflusso di pazienti Covid, sospetti e già accertati, in autoisolamento a domicilio, affetti da grave insufficienza respiratoria. Lo spazio e i punti di erogazione di ossigeno disponibili nell'area Covid, a un certo punto, sono risultati insufficienti per gestire in sicurezza i 15 pazienti presenti e i 4 in attesa in altrettante ambulanze. Quindi, ho disposto la redistribuzione dei pazienti non-Covid all'interno dei locali del Pronto soccorso, in modo da utilizzare anche le 12 postazioni destinate ai codici gialli per i pazienti Covid. Ho contattato la centrale operativa del 118, esponendo le nostre difficoltà e chiedendo di dirottare i pazienti ordinari nelle unità di pronto soccorso del Fatebenefratelli e del Sant'Alfonso Maria dei Liguori. Terminati gli spostamenti dei pazienti ed effettuata la necessaria sanificazione dei locali dedicati al percorso non-Covid (compreso il codice rosso) è stata inviata una nuova comunicazione alla Centrale operativa del 118 a integrazione di quella precedente».

LEGGI ANCHE Covid a Boscoreale, in 25 al battesimo vietato: multe per tutti

Una vicenda che ha determinato la reazione del consigliere regionale Erasmo Mortaruolo e della segreteria provinciale del Pd che, in una nota congiunta, scrivono: «Quanto accaduto in merito alla presunta chiusura del Pronto soccorso dell'ospedale ha dell'incredibile. In questo momento difficilissimo di emergenza sanitaria e con l'aumento vertiginoso dei contagi anche nel nostro territorio, occorrono responsabilità e sobrietà. Fare strumentalizzazione politica e presenzialismo da bottega sulla pelle e sulla salute dei cittadini è increscioso. La nota interna inviata dalla primaria, con la quale si chiedeva al 118 lo smistamento dei pazienti non-Covid presso gli ospedali di Sant'Agata dei Goti e del Fatebenefratelli, per i codici verde e giallo, è stato un atto dovuto a garanzia e tutela di tutti i pazienti. Inoltre, il direttore Ferrante ci ha assicurato che è già stata valutata la disponibilità di ulteriori 100 posti letto, da destinare a pazienti Covid paucisintomatici, presso altre strutture territoriali così da decongestionare il polo ospedaliero. Ora bisogna istituire un tavolo istituzionale per supportare l'azione e le necessità evidenziate dalla direzione generale e dal personale sanitario per affrontare al meglio l'emergenza e garantire tutti i livelli di assistenza». Nella stessa ottica, la Cgil-Fp chiede un incontro con il prefetto Cappetta e i digì delle strutture sanitarie del territorio per promuovere l'istituzione di una cabina permanente di monitoraggio delle attività di smistamento delle emergenze territoriali effettuate dalla Centrale operativa del 118. «Azione necessaria - specifica il sindacato - per indirizzare gli accessi dei codici gialli e verdi verso altre strutture ed evitare che il flusso continuo congestioni il pronto soccorso del Rummo». «Siamo in una fase emergenziale - dice il sindaco Clemente Mastella - destinata a peggiorare con l'arrivo della sindrome influenzale. Il mio timore è che gli ospedali non riescano ad assicurare a tutti le prestazioni sanitarie necessarie. Per riuscire ad arrestare l'avanzata del virus, penso sia necessario un lockdown generalizzato, seppure limitato nel tempo, garantendo i ristori alle categorie che ne soffriranno le conseguenze. Questo andirivieni non unitario è assurdo, come lo è considerare gli anziani un peso». 

Ultimo aggiornamento: 10:17 © RIPRODUZIONE RISERVATA