Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

«Il depuratore di Benevento è realtà:
lavori entro un anno in contrada Scafa»

Venerdì 29 Luglio 2022 di Paolo Bocchino
«Il depuratore di Benevento è realtà: lavori entro un anno in contrada Scafa»

«Il tanto atteso depuratore adesso si farà». Parola di Clemente Mastella che ha annunciato ieri a Palazzo Mosti l'avvenuta definizione del Progetto di fattibilità tecnico-economica dell'infrastruttura simbolo delle lacune ambientali della città. «Se siamo dietro nelle classifiche della qualità della vita, lo dobbiamo principalmente a questo fattore» ha ricordato il primo cittadino. Al suo fianco il commissario di governo Maurizio Giugni, il presidente dell'Ente idrico campano Luca Mascolo, il direttore dell'Eic Vincenzo Belgiorno, il coordinatore del Distretto Calore Irpino Franco Damiano.

Lacune che del resto riguardano svariate realtà del Paese, come dimostra la procedura d'infrazione comunitaria che è alla base della nomina commissariale. Mal comune che non può costituire un alibi. Serve un'accelerazione, e quella presentata ieri alla collettività promette di essere la svolta buona: «Nell'autunno 2023 inizieranno i lavori del depuratore in località Scafa per 45mila abitanti - ha annunciato Mastella - Ma già entro la fine dell'anno potremo dotare del servizio altri 10mila cittadini grazie all'allacciamento con il depuratore esistente a Ponte Valentino in area Asi». Tempi che appaiono finanche troppo brevi se paragonati a quelli biblici che caratterizzano la mancata costruzione dell'impianto fin dagli anni Settanta, preda di cambi di guida politica e improvvisi dietrofront progettuali. Emblematica la girandola di siti di volta in volta prescelti per la realizzazione dell'impianto: da Serretelle a Marziotto, da Monte Sant'Angelo a Sant'Angelo a Piesco. Fino all'attuale location di Scafa, periferia cittadina alle porte della valle vitulanese, che ha messo tutti d'accordo. Associazioni ambientaliste comprese che, anzi, hanno giocato un ruolo da protagoniste suggerendo nel marzo 2021 l'area fatta propria dalla struttura commissariale. 

Sigle presenti ieri al varo: «Abbiamo indicato quel sito - spiega il delegato Lipu Marcello Stefanucci - come migliore alternativa possibile rispetto alla individuazione precedente che sarebbe risultata più impattante e meno facilmente raggiungibile. Inoltre si è evitato lo scempio a Santa Clementina, per cui ci riteniamo soddisfatti». Il no a Santa Clementina, area dal grande valore archeologico, era stato formalizzato anche dalla Soprintendenza nel 2020. È stata così scartata l'opzione a tre impianti, caldeggiata da Gesesa e finita anche nel mirino della magistratura, per l'attuale formula a due. O, per meglio dire, a un impianto e mezzo: «Con il piano stralcio di Ponte Valentino - ha spiegato il commissario Giugni - realizzeremo i collettori al servizio di Capodimonte, Cretarossa, Ponticelli e Cancelleria, per un totale di 10mila abitanti equivalenti. Con l'impianto principale garantiremo la depurazione del resto della città e di contrada Montecalvo, pari a 45mila abitanti. Per le altre contrade saranno verificate soluzioni localizzate come la fitodepurazione.

Video

Il progetto comprende la dismissione degli impianti di Ponte delle Tavole, Capodimonte e Pontecorvo, e la realizzazione di collettori di adduzione dei reflui per collegare la rete». Il progetto redatto dal raggruppamento guidato dalla C&S Di Giuseppe di Chieti prevede «la realizzazione di un impianto a membrane biologiche concepito in maniera modulare per essere adeguato a un possibile aumento dei carichi». Quanto ai costi, i 18 milioni stanziati nel 2019 dal ministero Ambiente si sono aggiunti ai 9 già in cassa a Palazzo Mosti. «Ma erano finiti in perenzione e ho dovuto recuperarli faticosamente grazie ai buoni uffici con la Regione», ha rivendicato Mastella. Che non si è fatto mancare una chiosa enfatica: «Dove non sono riusciti i Romani, i Papi e il bonapartiano Talleyrand, riusciamo adesso noi». Il primo cittadino ha inoltre rimarcato «la grande importanza di questo passo per le attività produttive della città» e anticipato che «sarà necessario reperire qualche ulteriore copertura economica, in ragione degli aumenti dei prezzi». Da progetto l'impianto di Scafa costerà 29.210.376 euro.

Iniziativa che confluirà nell'alveo del futuro Distretto idrico sannita. «Il 3 agosto la Giunta regionale approverà la delibera» ha annunciato Mastella anticipando l'ultimo sì mancante all'iter. «Stiamo operando nell'interesse di tutti i territori» ha assicurato il presidente Eic Mascolo smentendo le voci relative a presunti disegni anti irpini. In sintonia Damiano: «Sul sistema idrico integrato, come sul ciclo rifiuti, la classe dirigente di questo territorio sta svolgendo, in sinergia con la Regione, un lavoro carico di frutti». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA