Si fingeva tecnico caldaie per derubare anziani: arrestato 35enne di Dugenta

L'uomo è stato portato al carcere di Bellizzi Irpino, dovrà scontare 3 anni e 4 mesi con l'accusa di furto aggravato

Si fingeva tecnico caldaie per derubare anziani: arrestato 35enne di Dugenta
Giovedì 30 Novembre 2023, 13:01 - Ultimo agg. 13:15
2 Minuti di Lettura

Dichiaravano di essere dei tecnici che, gratuitamente, effettuavano il controllo delle caldaie del metano, in maniera tale che il proprietario dell’unità immobiliare potesse essere in regola con le norme vigenti sulla manutenzione degli impianti di riscaldamento. Poi, una volta introdottisi all’interno delle abitazioni, mentre un soggetto distraeva la malcapitata vittima, il complice ne approfittava per rubare il portafoglio ed alcuni oggetti in oro.

Così è finito in carcere un uomo, 35enne di Dugenta, che dovrà scontare 3 anni e 4 mesi di reclusione perché riconosciuto colpevole di furto aggravato in concorso con altri soggetti. Oggi la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Benevento – ufficio esecuzioni penali – ha dato l'ordine di esecuzione per la carcerazione a carico di un residente nella provincia di Benevento. Ad eseguire l'arresto gli investigatori della squadra mobile che hanno rintracciato nella mattinata odierna ad Avellino l'indagato.

La vicenda trae origine da un’indagine svolta agli inizi del 2017 dagli investigatori della terza sezione della squadra mobile che hanno svolto meticolose indagini, supportate anche da attività tecnica, per una serie di eventi criminali relativi all’arco temporale che parte dai mesi finali del 2016 sino ad arrivare ai primi mesi dell’anno 2017, nel corso del quale si è verificato un incremento di reati perpetrati in Benevento e provincia, lesivi della sfera patrimoniale di persone anziane, facilmente raggirabili.

Video

Attività info-investigativa posta in essere al fine di contrastare il fenomeno ha consentito di apprendere che una serie di persone, pluripregiudicate, utilizzavano quale mezzo per carpire la fiducia delle vittime - affinché consentissero loro l’ingresso nelle rispettive abitazioni - quello della spendita della qualifica di rappresentanti di società fornitrici di energia (gas ed elettricità).

Dopo gli adempimenti di rito l’arrestato è stato associato alla casa circondariale di Bellizzi Irpino.

© RIPRODUZIONE RISERVATA