Benevento, campo rugby: furto
in palestra e danni per 4mila euro

Giovedì 5 Settembre 2019 di Michelangelo De Nigris
Furto all'interno della palestra del Rugby Benevento: rubate diverse attrezzature sportive che si trovavano nella struttura annessa al campo di gioco di Pace Vecchia. Ancora incerta, però, la data del raid, avvenuto probabilmente lo scorso fine settimana ma scoperto soltanto ieri, quando alcuni dirigenti della società biancoceleste sono entrati nei locali in vista del tradizionale open day.
 
Un evento che la società organizza ogni anno per far conoscere le strutture ai futuri rugbisti e ai genitori, che per la prima volta si affacciano a questa disciplina sportiva. I ladri, approfittando anche della pausa estiva ma soprattutto dell'assenza nell'impianto di qualsiasi sistema di videosorveglianza, sono entrati all'interno della palestra forzando la porta d'ingresso che comunque, a prima vista, non presenta segni evidenti di forzatura. Una volta all'interno, con la possibilità di agire completamente indisturbati, i ladri hanno fatto razzia portando via diversi pesi in ghisa, bilancieri, manubri e palle medicinali. Secondo quanto riferito dallo stesso presidente, Rosario Palumbo, mancano all'appello anche circa 40 pannelli da pavimento antitrauma, molto costosi, dalle dimensione di un metro per un metro e dall'altezza di circa due centimetri in tartan specifici per la palestra, che lo stesso Rugby Benevento aveva ricevuto in dono soltanto qualche settimana prima dal Benevento Calcio. La stima dei danni supera i 4mila euro. Per portare via l'ingombrante refurtiva, l'ipotesi più accredita è che i ladri si siano serviti o di un grosso suv parcheggiato nell'adiacente via Aldo Moro, oppure di un furgone cabinato.
LA RIPARTENZA
Ma il presidente Palumbo non si perde d'animo: «Purtroppo non è la prima volta che capita, abbiamo già ripulito e sistemato la palestra, ci siamo rimessi già al lavoro, sistemeremo i danni e, anche se non sarà facile, cercheremo di riacquistare il materiale sportivo utilizzato per i nostri atleti. I dirigenti e gli atleti seniores si stanno già autotassando per acquistare almeno i bilancieri necessari per la preparazione in corso. Sarà un'ulteriore prova da superare, ma la nostra tempra è forte e siamo abituati a lavorare nelle difficoltà. Resta il rammarico e l'amaro in bocca, perché la nostra società opera nel sociale in un quartiere popolare della città, e tutti, dai dirigenti, agli allenatori e giocatori, prestano la loro opera da volontari». Solo alcuni mesi fa, vandali rimasti ignoti lanciarono nella notte tondini di ferro sul terreno di gioco della struttura. Ovviamente l'accaduto è stato denunciato alla locale stazione carabinieri, che hanno avviato le indagini del caso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA © RIPRODUZIONE RISERVATA