Incendia auto e si ustiona,
l'ipotesi: tentato suicidio

Martedì 8 Ottobre 2019 di Paolo Bontempo
Auto in fiamme e 39enne gravemente ustionato domenica notte a Casalduni. Dovrebbe trattarsi di un tentativo di suicidio ma la dinamica è ancora tutta da verificare. L'episodio si è verificato intorno alle 23.30. R.B., 39 anni, di Napoli, si era allontanato da casa nel pomeriggio di domenica con una Ford Fiesta. Giunto nei pressi di Casalduni, in contrada Vaglie, avrebbe telefonato alla sorella minacciando il suicidio. L'uomo è in cura presso l'unità psichiatrica Asl di Scampia. Quello che è accaduto nei momenti successivi è ancora avvolto nel mistero; l'uomo è stato trovato accasciato sull'asfalto, evidentemente ustionato dalle fiamme che stavano ancora avvolgendo la sua auto.
 
A far scattare l'allarme sono stati alcuni automobilisti che hanno notato quanto stava accadendo e hanno allertato i soccorsi. Sul posto sono accorsi i vigili del fuoco e i sanitari del 118 dell'Unità di Rianimazione della Croce Rossa che hanno trasportato il malcapitato all'ospedale «Rummo» di Benevento. Per lui varie ustioni agli arti superiori e inferiori. Per fortuna non è in pericolo di vita. «L'uomo trovato di notte a Casalduni spiega il sindaco Pasquale Iacovella a quanto sembra era scappato di casa e ha incendiato la sua macchina. La Ford Fiesta poi è stata rimossa e affidata ai genitori. L'uomo ha riportato ustioni agli arti ma le sue condizioni non destano preoccupazioni». Sull'accaduto sono ora in corso le indagini della Polizia che ha effettuato un sopralluogo e i rilievi sull'auto che è stata completamente distrutta dalle fiamme. Resta da capire cosa abbia scatenato la reazione del giovane che poi ha incendiato la sua auto. Come sempre in questi casi nessuna ipotesi viene esclusa, tra queste, quella più accreditata è di un estremo gesto compiuto dall'uomo. Ultimo aggiornamento: 10:05 © RIPRODUZIONE RISERVATA