Incidente sulla Benevento-Campobasso,
centauro muore mentre torna a casa

Lunedì 27 Luglio 2020 di Antonio N. Colangelo

Ancora un tragico incidente e ancora una vittima lungo le strade del Sannio, che tornano a tingersi di sangue a distanza di un mese dall'ultimo fatale sinistro. A perdere la vita un 42enne molisano, schiantatosi in sella alla propria moto contro il pilone di cemento di un cavalcavia, mentre si immetteva sulla Statale 87 Benevento-Campobasso, all'altezza dell'uscita di Santa Croce, probabilmente mentre faceva ritorno a casa. Ancora da chiarire l'esatta dinamica dell'impatto, avvenuto sicuramente a velocità sostenuta per cause in fase di accertamento, senza coinvolgere altri veicoli. Il drammatico episodio si è verificato intorno alle 21, quando la vittima, residente a Mirabello Sannitico, comune di 2.000 abitanti della provincia di Campobasso, ha perso il controllo della propria Honda, scontrandosi contro la base di un sottopassaggio per poi rovinare sull'asfalto.

La prima a dare l'allarme sarebbe stata un'automobilista di passaggio, la quale, notando il corpo dell'uomo riverso al suolo e il mezzo a due ruote a poca distanza, ha subito accostato la vettura sul ciglio della strada e chiamato i soccorsi, a cui avrebbe riferito il particolare del casco in frantumi per spiegare la gravità della situazione. Immediato l'arrivo sul posto del personale sanitario del 118 e dell'unità rianimativa della Croce Rossa, tempestiva nel prestare le cure del caso al malcapitato, aiutati anche da un medico di Santa Croce del Sannio (centro di cui è sindaco il presidente della Provincia Antonio Di Maria), rivelatasi tuttavia vane. Troppo gravi le ferite riportate nell'incidente dal malcapitato centauro, che sarebbe deceduto sul colpo. Sul posto sono successivamente giunti i carabinieri della vicina stazione di Morcone, chiamati a ricostruire l'accaduto, e il magistrato di turno Assunta Tillo. Una volta constatato il decesso dal medico legale, la salma del 42enne è stata trasportata presso l'obitorio dell'ospedale Rummo per l'autopsia.

L'incidente, l'ennesimo verificatosi sulla rete stradale locale, sembra destinato ad alimentare ulteriormente la polemica relativa alla sicurezza e all'illuminazione delle infrastrutture provinciali. Weekend decisamente funesto, dunque, per le strade sannite. Nel pomeriggio di sabato, infatti, si era già verificato un violento sinistro tra due automobili, fortunatamente senza vittime ma con quattro feriti, di cui uno grave e trasportato d'urgenza in ospedale, lungo la Tangenziale Ovest, all'altezza di contrada Santa Clementina. Poco più di un mese fa, invece, l'ultimo incidente mortale costato la vita ad un 72enne pensionato di Paduli, scontratosi frontalmente al volante della propria Panda contro una Focus condotta da un 47enne di Pietrelcina sulla Statale 90 bis, nei pressi dell'area periferica di Ponte Valentino.

© RIPRODUZIONE RISERVATA