Ciro e Parco Matese,
le sfide per lo sviluppo del Sannio

di Nico de Vincentiis

Una cristalleria, ecco cosa rischia di diventare buona parte del Paese con i tanti vincoli a tutela del paesaggio e dei beni culturali. Oggi si deve parlare di nuovo pragmatismo, che farebbe la differenza, in un settore così vitale, nella corsa allo sviluppo economico e che consentirebbe di trasformare i limiti in opportunità. Specie se la materia da trattare è formata da migliaia di tesori, spesso nascosti, da salvaguardare e da rendere produttivi. Il concetto non è espresso dalla Società gioiellieri italiani ma dal ministro all'ambiente Sergio Costa. Che precisa: «Siamo di fronte a un nuovo modello di ambientalismo, distante da quello del secolo scorso, in cui lo sviluppo non contrasta con la tutela ambientale, e un parco nazionale può essere considerato una possibilità non una maledizione per i territori coinvolti».
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Martedì 12 Febbraio 2019, 08:45 - Ultimo aggiornamento: 12-02-2019 09:38
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP