Pioggia e smottamenti nel Sannio,
​paura per una casa crollata

Lunedì 11 Gennaio 2021 di Celestino Agostinelli

Pioggia e smottamenti nella domenica che, in gran parte del Sannio, ha fatto registrare allagamenti e problemi alla viabilità. Anche le forti raffiche di vento hanno contribuito a far cadere alberi. Crolli nel Fortore e fango sulle carreggiate, ma anche nel capoluogo si sono registrate decine di richieste di intervento ai vigili del fuoco. In città ieri mattina i vigili del fuoco e la polizia municipale sono dovuti intervenire in via Paolella per un albero crollato sulla sede stradale. In contrada San Vitale altro intervento degli operai del Comune per uno smottamento. In contrada Madonna della Salute l'ostruzione di alcuni tombini ha provocato allagamenti con disagi alla circolazione.

Problemi legati al pericolo per alberi divelti si sono avuti anche a Sant'Angelo a Cupolo, in contrada Mediana a Pastene e a Sant'Agata de' Goti, in via Caudina nei pressi della chiesa dell'Annunziata, si è dovuti ricorrere ai vigili del fuoco e polizia locale per rimuovere un grosso ramo di pino. Transennato parte di vico San Benedetto a causa del distacco di intonaco dalla parete di un fabbricato prospiciente, mentre nella zona delle case popolari di via Pennino problemi alle strade. Altri interventi minori si sono resi necessari in via Santisi e via Caudina.
Nelle aree interne lo scenario non cambia. Nel Tammaro, nel Fortore e nel Miscano, i danni maggiori hanno interessato la viabilità provinciale e comunale. A Montefalcone Valfortore una profonda spaccatura si è generata sulla strada urbana Ceglie, causando l'interruzione della rete del gas metano. «Purtroppo ha detto il sindaco Leonardo Sacchetti la spaccatura è di vaste proporzioni e con l'insistente pioggia potremmo essere costretti a chiudere la strada.

L'amministrazione comunale ha avviato la procedura per invocare la dichiarazione dello stato di calamità. Di concerto con la società che gestisce la rete del gas, già da questa mattina (oggi, ndr) sono iniziati i lavori per ripristinare la erogazione quanto prima, ma gli interventi proseguiranno anche oggi. Il movimento franoso compromette anche gli altri servizi quali la rete telefonica, le condotte idriche di distribuzione delle acque e pubblica illuminazione».
Per questo motivo le scuole non riapriranno oggi. A San Giorgio la Molara si è sfiorata la tragedia a causa del crollo di una vecchia abitazione disabitata in centro. «Si tratta di un vecchio stabile - dice il sindaco Nicola De Vizio il cui crollo avrebbe potuto provocare una tragedia. Stiamo eliminando il pericolo».

Altre frane sulle provinciali di Castelvetere Valfortore e Castelfranco in Miscano, in quest'ultimo comune sono ormai interrotte le provinciali che collegano la Campania con la Puglia, mentre la strada comunale La Zazzera è impercorribile. Disagi anche sulla statale Appulo Fortorina.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA