Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Raid nella scuola, bagni allagati e pannelli crollati

Giovedì 14 Aprile 2022 di Giovanna Di Notte
Raid nella scuola, bagni allagati e pannelli crollati

«È stato registrato un becero atto vandalico presso la scuola di via Della Valle». La notizia viene comunicata con un post sulla pagina ufficiale del Comune di Moiano: il plesso che ospita gli alunni della scuola primaria e del micronido è finito nel mirino di teppisti. Una notizia che ha provocato rabbia anche perché si tratta di un edificio e messo a nuovo di recente. Ad accorgersi dell'accaduto, ieri mattina, è stato il personale scolastico dell'Ic «F. De Sanctis». Erano circa le 7.40 quando, entrando nell'edificio, ci si è resi conto delle infiltrazioni di acqua che hanno danneggiato il soffitto e allagato tutto il piano superiore. Successivamente, la dirigente Rosaria Perrotta ha allertato il sindaco Giacomo Buonanno. Dall'ente caudino hanno spiegato che «ignoti si sono recati all'interno dell'edificio scolastico, presumibilmente nella serata di martedì, otturando un servizio igienico nonché la vaschetta sovrastante con più rotoli di carta igienica, facendo in modo che il flusso di acqua corresse continuamente per un'intera nottata. È risultato completamente allagato il piano superiore, circostanza che ha reso impossibile lo svolgimento delle lezioni». Dal Comune hanno precisato che i danni restano da quantificare: «Al momento si legge - non se ne registrano a carico dell'impianto elettrico della controsoffittatura, crollata in corrispondenza dell'androne di ingresso». Dunque, bisognerà riposizionare i pannelli caduti dal soffitto ma, come ha chiarito Buonanno, non si tratta di una spesa rilevante.


Intanto, ieri mattina il personale scolastico, con l'aiuto della Protezione Civile, ha impiegato diverse ore per rimuovere l'ingente quantità di acqua che ha invaso gran parte della struttura. Molto amareggiato Buonanno, che ha definito l'accaduto «una vigliaccata» e ha espresso forte rammarico perché si tratta di un'azione che colpisce l'intera comunità. «Sono molto dispiaciuto per quanto accaduto dice - da come mi ha spiegato il tecnico accorso sul posto per verificare il danno, l'atto vandalico è stato voluto e studiato: ciò mi rattrista maggiormente. Ci troviamo, purtroppo di frequente, di fronte a brutti episodi del genere che danneggiano tutti i cittadini: succede nel parco giochi, in piazza, ora anche a scuola e questo evidenzia un rilevante problema culturale considerato che non si ha cura e attenzione per i beni pubblici, beni di tutta la collettività».

Buonanno poi sottolinea che «se fosse accaduto appena un giorno dopo le conseguenze sarebbero state ben più gravi». Questo perché ieri era l'ultimo giorno di apertura della scuola in vista delle vacanze pasquali.
Nel frattempo, sulla vicenda cercheranno di fare chiarezza i carabinieri che hanno avviato le indagini per individuare i responsabili. Ieri, i militari hanno effettuato i primi rilievi: probabilmente, si serviranno anche delle immagini registrate dai dispositivi di videosorveglianza situati nelle strade adiacenti al plesso. La fascia tricolore ricorda anche che la scuola presa di mira dai malviventi è stata recentemente riqualificata «grazie a un intervento che l'amministrazione comunale aveva realizzato sfruttando fondi sovracittadini». In particolare, negli scorsi anni il Comune ha puntato alla riqualificazione dell'intero plesso realizzando interventi di adeguamento sismico ed efficientamento energetico per consegnare alla cittadinanza e ai piccoli studenti un edificio moderno ed efficiente. La nuova struttura di via Della Valle, inaugurata nel 2020, è stata rinnovata anche negli arredi.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA