Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Sannio, litiga col fratello, lo colpisce
alla testa e lo riduce in fin di vita

Venerdì 19 Agosto 2022 di Giovanna Di Notte
Sannio, litiga col fratello, lo colpisce alla testa e lo riduce in fin di vita

Una violenta lite tra due fratelli rischia di finire in tragedia: un uomo è in gravissime condizioni mentre suo fratello, il feritore, è stato arrestato. È l'epilogo di un pomeriggio di follia vissuto nel piccolo borgo ai piedi del Taburno. Ad avere la peggio è stato un 51enne, colpito violentemente alla testa. Secondo le prime ricostruzioni i due fratelli, Eugenio e Bruno Caporaso, che da anni vivono in condizioni di estremo disagio, avrebbero cominciato a discutere nel primo pomeriggio. Una discussione che sarebbe poi finita con il ferimento di Bruno, il fratello minore, trasportato al «San Pio» di Benevento in codice rosso.

Erano circa le 17 quando sono stati allertati i soccorsi, allertati da alcuni vicini di casa spaventati delle urla. Uno dei due, Eugenio, durante una furibonda discussione avrebbe cominciato ad aggredire il fratello prima con un bastone, poi con alcune pietre. La lite è andata in scena in strada, in via Roma, a pochi passi dal centro storico del piccolo paese. Sul selciato è stata ben visibile la scia di sangue che l'uomo ha perso dopo essere stato colpito.

Poco dopo, sul posto, sono giunti i carabinieri della stazione locale e un'ambulanza del 118. Le condizioni dek 51enne sarebbero apparse sin da subito molto gravi: arrivato in ospedale è stato subito intubato. Inoltre, anche il fratello è stato controllato dai sanitari per verificare le sue condizioni di salute. Inizialmente circolavano voci di una sparatoria tra i due ma, stando alle ricostruzioni, si escludebbe l'uso di armi da fuoco in quanto sul posto non sono state rinvenute tracce da ricondurre a eventuali spari. L'esatta dinamica dell'accaduto non è ancora chiara, sull'episodio indagano i carabinieri che hanno avviato le indagini per fare luce sulla vicenda.

I militari si serviranno anche delle eventuali testimonianze e dei racconti delle persone residenti per ricostruire la drammatica lite scoppiata a pochi passi dalle abitazioni situate nei pressi della strada che collega Cautano a Vitulano. Resta da capire quali sono le cause che hanno scatenato il litigio tra i due, ma molto probabilmente si tratta di futili motivi. Inoltre, secondo diverse voci che circolano in paese, quella di ieri non sarebbe la prima discussione tra Eugenio e Bruno. Infatti, già in passato i fratelli Caporaso sarebbero stati protagonisti di litigi. Dunque, tra il 54enne e il 51enne ci sarebbe sempre stato un rapporto difficile e conflittuale. In paese e nelle zone limitrofe in tanti conoscono Bruno e Eugenio, in passato impegnati come pastori e contadini ma attualmente non occupati. In tanti racconto che hanno sempre vissuto in condizioni difficili, in uno stato di estremo disagio.
Intanto, mentre l'intera comunità di Cautano è sotto choc per quanto accaduto e in apprensione per lo stato di salute di Bruno, Eugenio resta in stato di fermo con l'accusa di tentato omicidio. A occuparsi del caso sarà il sostituto procuratore di turno Patrizia Filomena Rosa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA