Sannio-Matera, sinergia tra capitali:
patto per la città europea del vino

di Gianluca Brignola

Un filo diretto tra la capitale europea della cultura e la capitale europea del vino. L'appuntamento è fissato per il 25 marzo quando i sindaci di «Sannio Falanghina» accompagnati dal presidente dell'associazione nazionale delle città del vino, Floriano Zambon, e dal consigliere regionale Mino Mortaruolo, delegato in materia dal governatore Vincenzo De Luca, si recheranno in trasferta a Matera per presentare il progetto «BioWine», asset portante e fondante del dossier presentato a supporto della candidatura per il prestigioso riconoscimento ottenuto ad ottobre da Recevin a Bruxelles. Un'iniziativa finanziata dalla presidenza del consiglio dei ministri per un importo di poco inferiore ai 550 mila euro, per il momento la più importante dotazione economica nella disponibilità degli organizzatori, che si intreccerà in più fasi nell'ambito delle attività previste nel 2019 coinvolgendo i comuni di Guardia Sanframondi, Castelvenere, Sant'Agata dei Goti e Solopaca, unitamente al comune di Castelfranci in provincia di Avellino, Caggiano e Sant'Angelo  a Fasanella in provincia di Salerno e  Grumento Nova e Roccanova in provincia di Potenza.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Domenica 10 Marzo 2019, 13:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP