Carenze strutturali e miasmi,
sequestrato impianto rifiuti

I carabinieri del Noe di Napoli hanno sequestrato, questa mattina, un impianto di messa in riserva, stoccaggio e trattamento di rifiuti speciali pericolosi e non situato nella zona industriale di Ponte Valentino per inosservanza delle prescrizioni imposte nell'Autorizzazione Integrata Ambientale e per emissioni di esalazioni maleodoranti.

Il provvedimento, disposto dal gip del tribunale di Benevento su richiesta della Procura, scaturisce da numerosi accessi ispettivi, effettuati dal personale del Noe, insieme all'Arpac e ai carabinieri forestali di Benevento, a seguito di continue segnalazioni dei cittadini, che lamentavano la presenza di esalazioni maleodoranti provenienti dalla zona.
Attraverso gli accertamenti è stata verificata «la ripetuta violazione dei valori limite di emissione - scrive il procuratore generale, Aldo Policastro - e la cattiva gestione dei rifiuti, in ragione di carenze strutturali e gestionali dell'impianto, rendendo necessario il sequestro dell'intero impianto industriale, con facoltà d'uso ai soli fini di ottemperare alle prescrizioni imposte nel termine di giorni 60, ovvero al solo fine di conformare l'impianto alle prescrizioni imposte dall'Arpac e dalla Regione Campania, e di adottare ogni altra misura idonea a riportare l'impianto a norma di legge, con particolare riguardo alle inadempienze ed irregolarità di cui al provvedimento di sequestro».
Venerdì 26 Luglio 2019, 17:51
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP