Corrado Castiglione
BATMAN è DI DESTRA di
Corrado Castiglione

Grillo e i nipotini di Rumor

Lunedì 9 Aprile 2018
Grillo tra Di Battista e Di Maio
Quando qualcosa si pone
tra me e l'obiettivo
la sposto
(Roberto Casaleggio, imprenditore e politico italiano)



Nei media abbondano a proposito dei Cinque Stelle i riferimenti ai Dorotei, come se - con la corruzione del termine centrista, pressocché svuotato da vent'anni di bipolarismo, diventato nella retorica politichese ormai quasi un'offesa e sinonimo di ambiguità, per poi essere riabilitato dal ritorno al proporzionale - si possa equiparare il verbo rivoluzionario e radicale dei grillini, quello che ha promesso di aprire il Parlamento «come una scatoletta di tonno», con la componente quella sì centrista e moderata, cautamente aperta al centrosinistra che fu dei Dorotei. Come se Alessandro Di Battista e Luigi Di Maio possano essere mai accreditati quali nipotini di Taviani e Rumor. Tra l'altro, in sincerità, non credo neppure che essi lo vogliano.

Ma chi furono ì Dorotei? Senz'altro negli anni Sessanta costituirono l’anima più rappresentativa della Dc. Si chiamavano così perché nel ’59 si erano riuniti nel convento di Santa Dorotea per dare vita alla scissione dalla prima grande corrente maggioritaria della Dc (Iniziativa democratica) al fine di sfiduciare l’allora segretario Amintore Fanfani. Erano più cauti nell’approccio al Centro-Sinistra e più attenti alle ragioni sia delle gerarchie ecclesiastiche che delle associazioni imprenditoriali.
Ai Dorotei aderivano Aldo Moro, Mariano Rumor, Antonio Segni, Paolo Emilio Taviani. Più tardi gli amici di Moro si distaccheranno dai Dorotei, assumendo una posizione autonoma nel partito con una linea politica sempre più orientata verso la sinistra e dando vita a una nuova corrente (i Morotei) alla quale apparterranno fra gli altri il futuro segretario Benigno Zaccagnini e Luigi Gui. Ultimo aggiornamento: 10-04-2018 17:05 © RIPRODUZIONE RISERVATA

GLI ULTIMI POST

di Corrado Castiglione
Leggi tutti